Inizio > Fondazione > Direzione Fondazione
Conservatorio della
Svizzera italiana
via Soldino 9
CH-6900 Lugano
+41 (0)91 960 30 40
+41 (0)91 960 30 4^1
info@conservatorio.ch

Direzione di Fondazione

  

Christoph Brenner

 

Diplomatosi in violino (con Françoise Zöldy-Pfister) e in viola (con Christoph Schiller), si è perfezionato in viola sempre con Christoph Schiller alla Musik-Akademie di Basilea, ottenendo il Diploma di concertista, e con Piero Farulli alla Scuola di Musica di Fiesole. Ha seguito diverse Masterclass, tra cui con Bruno Giuranna e Hatto Beyerle. A livello cameristico è stato fondamentale l’insegnamento di Walter Levin. Parallelamente si è dedicato agli studi universitari laureandosi all'Università di Basilea in Storia universale (con Markus Mattmüller) e Filologia italiana, ottenendo inoltre l’attestato scientifico come docente di Scuola media superiore.

Per diversi anni si è dedicato, oltre alle intense attività cameristiche, orchestrali e solistiche, alla pedagogia, interesse che lo ha portato in fine, quale docente di viola e musica da camera, al Conservatorio della Svizzera italiana, istituto del quale è direttore generale dal 1999. Per quasi 10 anni è stato membro della Commissione artistica del Concorso svizzero di musica per la gioventú, incarico che ha lasciato nel 2009. Nel marzo 2010 è stato nominato Presidente della Conferenza dei Direttori delle Scuole universitarie di musica svizzere (Konferenz Musikhochschulen Schweiz), conferenza della quale aveva già presieduto e coordinato diverse commissioni (QM, Pedagogia musicale). Tempo permettendo, svolge attività come esperto in concorsi nazionali ed internazionali.

 
  

Roberto Valtàncoli

 

Roberto Valtàncoli si è diplomato in violino con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio "Cherubini" di Firenze studiando anche con C.Romano a Ginevra.
Parallelamente agli studi universitari accademici, ha ottenuto anche il primo diploma di solista del Conservatorio della Svizzera italiana. Per la musica da camera si è perfezionato con il Trio di Trieste, Franco Rossi (Quartetto Italiano) e il Quartetto Amadeus a Vienna e Salisburgo.

Per un decennio ha affiancato l'attività solistica, cameristica e orchestrale a quella didattica, in qualità di insegnante presso il CSI.
Ha collaborato inoltre per diversi anni con la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana e con la Città di Lugano.
È membro di direzione del CSI dal 2004 con specifiche responsabilità nell'ambito delle Risorse umane, infrastruttura, Advanced Studies, Formazione Continua e Prestazioni di servizio.
Nel 2010 ha fondato il Master of Advanced studies SUPSI in Cultural management, di cui è responsabile.