Eventi
  • Antognini Ivo

    • Ascolto

    Ivo Antognini nasce a Locarno (Svizzera) nel 1963. Si diploma in pianoforte nel 1985 a Lucerna sotto la guida di Nora Doallo. In seguito studia alla Swiss Jazz School di Berna con Joe Haider. Sin da giovanissimo sente il bisogno di creare la propria musica negli ambiti più disparati. È autore di moltissime colonne sonore di film, documentari e sigle televisive. Ha pubblicato tre Cd Jazz con proprie composizioni: The dark cloud (1993), Inspiration (1998), Feggari mou (2005).

    Nel 2006 l'incontro casuale ma determinante con il Coro Calicantus e il suo direttore, Mario Fontana, lo portano a scoprire le potenzialità della musica corale. Da subito diventa composer-in-residence di questo splendido coro di voci bianche. Nel 2008 vince due primi premi a due concorsi nazionali (SKJF-09 e Label Suisse 2008). Nello stesso anno, all'ottavo World Symposium on Choral Music di Copenhagen il Coro Calicantus presenta una serie di sue composizioni che ottengono uno straordinario successo di pubblico e critica. Le opere corali di Ivo Antognini sono state premiate o segnalate a diversi concorsi internazionali, tra cui il 7° Concorso Internazionale di Composizione "Seghizzi" 2009, 2010 e 2012, il 2010 e 2011 Simon Carrington Chamber Singers Composition Competition, il Vanguard Premieres Choral Composition Contest 2010, il 37° Concorso Internazionale di Composizione "Guido d'Arezzo",il 2011 Choral Arts Ensemble Commissioning Contest, il Contemporary Americana Festival 2012 - Boston e il 2012 Freudig Singers Choral Composition Competition.

    È stato scelto come Featured Composer dalla Schola Cantorum on Hudson per la stagione concertistica 2011-2012. Nel luglio del 2012 è stato invitato dalla ACDA (American Choral Directors Associations) a presentare la sua musica corale nell’ambito dei World Choir Games a Cincinnati, dove ha pure fatto parte della giuria internazionale.

    A partire dal 2009 la musica corale di Antognini é stata eseguita in tutto il mondo da cori di spicco, tra cui, Trinity College Choir of Cambridge, Trinity Wall Street Choir, Artists’ Vocal Ensemble, Vancouver Chamber Choir, Santa Fe Desert Chorale, Cappella Nova, Antioch Chamber Ensemble, St. Lawrence Choir, Kölner Kantorei, Lund University Male Choir, de Angelis Vocal Ensemble, Salt Lake Vocal Artists, Milwaukee Choral Artists, Swiss Youth Choir, Elektra Women’s Choir, Oriana Women’s Choir e molti altri.

    Dal 1987 è professore di Ascolto e di pianoforte complementare presso il Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano. 

    Le sue opere corali sono pubblicate da Alliance Music Pub., Porfiri & Horváth,  de Haske / Hal Leonard, Annie Bank Edition, Ferrimontana e altri.

  • Arosio Roberto

    • Accompagnamento pianistico

    Laureato con il massimo dei voti al Conservatorio G. Verdi di Milano con il prof. Esposito, dal 1992 al 2000 prende parte al gruppo di studio “Ottorino Respighi” della Fondazione Cini di Venezia diretto dal prof. Bagnoli, con il quale si perfeziona.
    Nel 1990 debutta come solista alla Sala Verdi di Milano, eseguendo il Concerto in Sol di Ravel con l'Orchestra Sinfonica di Milano della RAI diretta da Vladimir Delman. Da allora ha tenuto concerti come solista e camerista in Italia, Svizzera, Francia, Germania, Spagna, Polonia, Portogallo, Corea, Giappone, America Latina, Messico, Stati Uniti, Canada ed Egitto, producendosi con musicisti dell’importanza di Bruno Giuranna, Mario Ancillotti, Roger Bobo, Joseph Alessi, Martin Hacklemann, Allen Vizzuti, Philip Smith, Alain Trudel e Velvet M. Brown.

    Ha tenuto concerti solistici e soprattutto da camera in: Italia,Svizzera,Francia ,Germania, Spagna,Polonia,Portogallo,Corea,Giappone,America Latina,Messico,Stati Uniti,Canada ed Egitto.
    Ha vinto molti Concorsi internazionali di Musica da camera tra cui: Primo Premio Al Concorso intern. Di musica da camera di Trapani e premio speciale per la Sonata Romantica, 2° premio a Parigi (UFAM), 2°Premio al Concorso Trio di Trieste e premio C.A.I. come miglior Duo Europeo, Premio Tina Moroni al Concorso “Vittorio Gui”a Firenze , Nuove Carriere CIDIM (ROMA) e 2° Premio al V. Bucchi a Roma.

    Dal '92 al '96 è stato membro dell’Orchestra Giovanile Europea (E.C.Y.O.). Ha inciso per la Rivista Amadeus, per sax Record, Rivo alto,Ediclass, Rainbow e Cristal ed ha effettuato registrazioni radiofoniche  per la Rai (Roma), SSDRS di Zurigo, Radio France, RNE Madrid,DeutschlandRadio Berlino e BBC di Londra. Ha collaborato come pianista ufficiale al concorso di Guebwiller(Francia), Vittorio Veneto e ai corsi Internazionali dell’Accademia Chigiana Tenuti dal M° B. Giuranna e alla Trumpet Accademy a Bremen (Germania). Nel 2005, ha ottenuto il Premio Internazionale di Musica da camera”Franco Gulli” dall'Associazione Europa Musica di Roma.

    È M° Accompagnatore nella classe di canto di Luisa Castellani, nella classe di violino di Valery Gradov e nella classe di viola di Bruno Giuranna presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano.

  • Ashkenazy Vovka

    • Pianoforte
    • solo Advanced Studies

    Nato a Mosca, primogenito di due musicisti di eccezionale talento, Vovka Ashkenazy cominciò lo studio del pianoforte all'età di sei anni sotto la guida di Roagnvaldur Sigurjonsson a Reykjavik, dove la famiglia allora risiedeva. A sedici anni fu accettato al Royal Northern College of Music, dove segui' i corsi di Madame Sulamita Aronovsky. Occasionalmente ebbe la fortuna di beneficiare di lezioni private con Leon Fleisher, Peter Frankl e naturalmente, il proprio padre.

    Vovka Ashkenazy debuttò nel 1o concerto per pianoforte ed orchestra di Tchaikovsky con la London Symphony Orchestra sotto la direzione di Richard Hickox al Barbican Centre.

    Da allora la sua carriera l'ha portato in giro per il mondo con opportunita' di suonare in prestigiosi teatri in Europa, Australia, Nuova Zelanda, Giappone e le due Americhe. Ha partecipato a numerosi festivals internazionali come, per esempio, il Marlboro Festival in Vermont ed il Festival dii Due Mondi di Spoleto ed e' stato ospite di praticamente tutte le maggiori orchestre inglesi e in oltre Los Angeles Philharmonic, Australian Chamber, l'Orchestra Sinfonica di Berlino, ecc.

    Vovka Ashkenazy e' molto attivo in musica da camera; ha registrato un CD di musica italiana con suo fratello, il clarinettista, Dimitri Ashkenazy, insieme al quale si esibisce regolarmente, ed insieme hanno effettuato tournée in Giappone negli anni 1997, 2000 e 2002. Dal 2001 ha iniziato una stretta collaborazione con Vassilis Tsabropoulos, attualmente il più virtuoso dei pianisti greci; il duo e' apparso in numerosi festival di piano ed è stato più volte invitato al Megaron di Atene riscuotendo un grande successo di pubblico e di critica. Vovka Ashkenazy si esibisce anche con suo padre, Vladimir Ashkenazy. Hanno inciso insieme quattro CD con DECCA su musiche di Bartok, Chopin, Rachmaninov e Schumann. Vovka Ashkenazy e' inoltre coinvolto con il "Quintetto di fiati di Reykjavik", con il quale ha inciso due CD distribuiti da Chandos. Nella primavera del 2008 ha concluso una tournée negli Stati Uniti dove si e' esibito in "récitals" e con orchestra.

    Parallelamente alla sua attività' concertistica, Vovka Ashkenazy si dedica con successo all'insegnamento. Ha tenuto Master Class in Australia, Danimarca, Gran Bretagna, Grecia, Guatemala, Islanda, Norvegia, Svezia e Stati Uniti di America e' inoltre membro docente del prestigioso corso di musica da camera Pro Corda, in Inghilterra. Per dieci anni, dal 1998 al 2007, fino al trasferimento della famiglia in Ticino, fu professore di pianoforte presso il Conservatorio Gabriel Faure di Angouleme, Francia.

    È recentemente uscito un CD della DECCA di musiche francesi per due pianoforti con suo padre ed un secondo di repertorio russo e' previsto durante il 2011, sempre con suo padre ha recentemente effettuato una tournée in Italia, Turchia e Cina. Nel prossimo futuro sono previste, sempre con suo padre, varie tournée di récitals, per due pianoforti in Giappone e Corea del Sud.

    Attraverso la sua attività' concertistica, Vovka Ashkenazy ha potuto contribuire a diverse iniziative caritatevoli, come ad esempio "Action for Children" e "Cystic Fibrosis Trust" in Inghilterra, Telethon in Svizzera e "Bridges Peace Foundation" in Cambogia e nelle Filippine. Inoltre nel 2010 è stato nominato "Honorary Artistic Adviser" presso la Guangzhou Opera House.

     

  • Barberis Alberto

    • Musiche attuali, Tecnologie

    Nato vicino a  Torino, Alberto Barberis è compositore, chitarrista e performer elettroacustico.

    Ha iniziato a suonare la chitarra classica in giovane età studiando, tra gli altri, con Maurizio Colonna, Giorgio Mirto e Bruno Giuffredi. Ha ottenuto il Diploma in chitarra classica presso il Conservatorio di Torino (IT) e il Diploma di Biennio Specialistico presso il Conservatorio di Brescia (IT).

    Parallelamente all'attività musicale, ha sostenuto studi di ingegneria presso il Politecnico di Torino, stimolato dall'interesse nelle applicazioni matematiche alla composizione musicale e nella musica elettronica. Ha studiato composizione con Giovanni Albini, matematico e compositore.

    Nel 2016 ha ottenuto, con il massimo dei voti, il Master of Arts in Composition and Theory presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (CH), dove ha studiato con Nadir Vassena, Giovanni Verrando e Sylviane Sapir. Dal 2012 è assistente del direttore artistico dell'highSCORE New Music Center, è parte del comitato organizzativo di OGGIMUSICA, ed è membro del collettivo ed etichetta discografica Floating Forest Records. Recentemente ha collaborato con diversi ensemble di musica contemporanea tra cui l'Ensemble Recherche (DE) e l'Eutopia Ensemble (IT), e ha preso parte a numerosi festival internazionali, come Nachtstrom (CH), Afekt (ET). Parallelamente all'attività artistica si occupa dello sviluppo di applicazioni musicali: come ti ascolto (software di ear-training), Ormé e EAR (software per la spazializzazione del suono).

    Nel 2016 vince la prestigiosa Werkjahr 2017 della fondazione Christoph Delz.

    Attualmente insegna "Tecnologie" e "Musiche Attuali" presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana in Lugano (CH). 

  • Bartelloni Leonardo

    • Accompagnamento pianistico

    Leonardo Bartelloni è nato a Camaiore (Lu). Si è diplomato con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore presso l'Istituto Musicale "Luigi Boccherini" di Lucca, sotto la guida di Rossana Bottai. 
    Ha proseguito la sua formazione musicale presso la Scuola di Alto Perfezionamento musicale di Saluzzo, dove dal 1989 al 1994 è stato maestro assistente di pianoforte principale e musica da camera. 
    Ha vinto numerosi concorsi pianistici nazionali ed internazionali sia come solista che in varie formazioni cameristiche, tra i quali: "Città di Stresa" sia nella sezione solisti che quattro mani, la Coppa Pianisti d'Italia di Osimo nel 1982 e nuovamente nel 1984, il concorso pianistico di Albenga e nel 1985 il primo premio assoluto al concorso pianistico "Muzio Clementi" di Firenze. 

    Ha inoltre ottenuto il primo premio al concorso "Ugo Conta"di Mantova per duo con violino, il premio speciale per duo abbinato alle rassegne di Vittorio Veneto e il secondo premio con menzione speciale al concorso Internazionale "Vittorio Gui" di Firenze nel quale ha ottenuto inoltre il premio del pubblico e della critica.

    Svolge intensa attività concertistica sia come solista che in varie formazioni da camera collaborando spesso con musicisti di fama internazionale quali: Uto Ughi, Pierre Amoyal, Massimo Quarta, Mario Ancillotti, Cristiano Rossi, Andrea Griminelli ed altri. 
    È stato invitato presso importanti istituzioni concertistiche e festivals (Società dei Concerti di Milano, Amici della Musica di Firenze, Musica Riva, Festival Pontino, Gstaad Festival) ed ha effettuato numerose tourneès in Francia, Spagna, Austria, Danimarca, Svizzera, Turchia. 
    Nel 1997 ha tenuto una serie di concerti negli Stati Uniti toccando città come New York,Boston e Filadelfia, successivamente è stato invitato per conto del Cidim a tenere una serie di concerti in Cile, Argentina e Uruguay. Nel 2000 ha effettuato concerti in Corea del Sud e Giappone,dove nel 2001 è stato invitato sia come solista che in formazioni cameristiche.
    Ha registrato per numerose radio e televisioni sia private che Nazionali ed ha realizzato vari CD. Ha suonato come solista con varie orchestre eseguendo concerti di Mozart e Chopin.  È Maestro collaboratore di vari seminari e corsi quali Sermoneta, Accademia Musicale Chigiana di Siena. 

  • Bellu Cristina

    • Didattica del Violoncello

    Cristina Bellu nasce nella provincia di Firenze nel 1968 e intraprende gli studi musicali presso il Conservatorio Statale “Luigi Cherubini” sotto la guida del M° Settimio Guadagni conseguendo il diploma di violoncello nel 1991. Si specializza conseguentemente con il M° Kim Scholes alla Roosevelt University di Chicago (USA) conseguendo il Master of Music nel 1994. Svolge parallelamente la carriera strumentale sia in varie formazioni cameristiche che orchestrali.

    Sono da citare, per quanto riguarda le orchestre, l’orchestra da camera fiorentina, l’orchestra del maggio musicale fiiorentino, la Chicago chamber orchestra, la civic orchestra of Chicago, l’orchestre symphonique de Mulhouse  con alcune delle quali Cristina ha collaborato anche in qualità di primo violoncello. Nel campo cameristico ha collaborato e collabora con musicisti di chiara fama quali Christian Roelling in duo sassofono-violoncello, Thierry Mechler con il gruppo Tonalis e anche in progetti legati all'improvvisazione, con Christine Sartoretti in musica barocca su strumenti d’epoca, senza menzionare la sua collaborazione in trio con pianoforte negli USA, in duo violoncello-pianoforte con Claude Lang, con il quartetto Wallach.

    In campo solistico è l’interprete del concerto di Gulda per violoncello e banda. Ama organizzare i Concerts-rencontres, durante i quali essa condivide con il pubblico una tematica legata ad un periodo, un compositore o un’occasione particolare. Degno di nota il concert-rencontre “L’Europe et ses musicens italiens” in collaborazione con il Consolato d’Italia a Mulhouse (2001).

    Nel campo della didattica Cristina Bellu svolge un’intensa attività di diffusione. Dopo essersi appropriata della didattica Americana sia durante la sua formazione presso la Roosevelt University, sia entrando in contatto con professori quali Mimi Zweig e Helga Winold, ha intrapreso una fitta collaborazione con Phyllis Young ed ` la traduttrice in lingua francese e italiana del libro “Playing the string game” per conto della casa editrice Mueller & Schade, Bern. Durante il suo decennale insegnamento del violoncello presso l’Ecole Nationale de Musique di Mulhouse (Francia) ha elaborato diversi progetti pedagogici mirati da un lato all’insegnamento di gruppo per i più piccoli e dall’altro all’interazione di altre discipline quali il teatro nella didattica del violoncello. Sono cosi nati gli ateliers cordes, gli annuali spettacoli di Halloween, i concerti a tema degli ensembles di violoncelli e, di più recente ideazione, les Histoires de musique en musique. Invita grandi nomi del violoncello per masterclass, quali Helga Winold, Sonia Wieder-Atherton, Adriana Contino, Phyllis Young. 

    Da ricordare la lecture presso la University of Texas in Austin “teaching cello in Europe: why not?” (2004) e “Mission: motivation” per ESTA France presso il Conservatoire Supérieur de Musique de Paris (2006). È attualmente vice presidente di ESTA France e rappresentante al Consiglio d’Europa di ESTA International.

  • Benda François

    • Clarinetto

    François Benda nato in Brasile, proviene da una celebre famiglia di musicisti. Ha completato i suoi studi di clarinetto, composizione e direzione a Graz, Vienna e Ginevra debuttando nel 1988 da solista alla Tonhalle Zürich e alla Victoria Hall a Ginevra. La Neue Zürcher Zeitung (NZZ) ha scritto di lui: “Il suo modo di suonare spazia con autorità tra pianissimi appena percettibili e drammatici a crescendi estatici ed è brillante e luminoso in ogni momento”. 

    Nel 1991 è insignito a Roma del “Premio internazionale per le Arti dello Spettacolo Gino Tani”. Da allora si esibisce in tutte le migliori sale (Berliner Philharmonie, Musikverein Wien, Concertgebouw Amsterdam, Wigmore Hall London, Tonhalle Zürich, Kölner Philharmonie, Hercules Saal München) e suona come solista con grandi Orchestre (Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, WDR Sinfonieorchester Köln, Sinfonieorchester Basel, Wiener Kammerphilharmonie). Come solista e come musicista da camera François Benda è regolarmente ospite di importanti Festival (Berliner Festwochen, Styriarte, Musicades Lyon, Ittinger Pfingstkonzerte) collaborando con artisti del calibro di Heinz Holliger, Paul Badura-Skoda, Bruno Giuranna, Isabelle Faust, Josef Silverstein e Bruno Canino. La sua vasta discografia (per etichette come ECM, Fono, Pantheon, EPU, Hänssler und Genuin) comprende l’opera integrale per clarinetto di Johannes Brahms e per clarinetto e orchestra di Nielsen, Debussy, Busoni e Rossini, un CD dedicato a Robert Schumann per il suo 200esimo compleanno e un CD dedicato alla musica francese. L’opera integrale per clarinetto e orchestra di K. Penderecki, per festeggiare il suo 80esimo compleanno così come il concerto per clarinetto di Mozart, eseguito sul clarinetto di bassetto – sviluppato dallo stesso Benda – sono in preparazione per Artist Consort. L’impegno intensivo di François Benda nello sviluppo della costruzione degli strumenti ha portato alla fondazione dell’azienda Clarinartis, in collaborazione con i costruttori di strumenti René Hagmann e Jochen Seggelke. Clarinartis sviluppa parti del clarinetto quali barilotti, bocchini e campane con lo scopo di migliorare l’intonazione e la produzione del suono. François Benda è in grado di spaziare dal repertorio classico a quello contemporaneo sia come clarinettista (collaborazioni e prime esecuzioni di opere di Heinz Holliger, Elliott Carter, Luciano Berio, Krystof Penderecki, Bernhard Lang, Wolfgang von Schweinitz, Bernhard Lang) sia, sempre più frequentemente, come direttore. Oltre all’attività solistica, François Benda è professore di clarinetto alla Universität der Künste a Berlino ed insegna alla Hochschule für Musik FHNW Basel così come alla Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana.

  • Berman Pavel

    • Violino

    Vincitore del Concorso Indianapolis, Pavel Berman appare regolarmente in Italia e all’estero nel ruolo di Solista e/o Direttore con Orchestre quali i Virtuosi Italiani, i Virtuosi di Mosca, la Haydn di Trento e Bolzano, i Pomeriggi Musicali di Milano, l’Orchestra da Camera di Mantova, l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Sinfonica Toscanini di Parma, l’Orchestra del Teatro La Fenice, al Bellini di Catania, il Carlo Felice di Genova, la RAI di Torino, Santa Cecilia a Roma, l’Orchestra del Teatro Sao Carlo di Lisbona, Moscow Symphony Orchestra, Romanian National Radio, Wurtembergische Philharmonie, la Dresden Staatskapelle, i Berliner Sinfoniker e altre.

    Ha suonato con l’Indianapolis Symphony Orchestra, l’Atlanta Symphony, la Dallas Symphony, la Prague Symphony, la Royal Philarmonic di Liverpool, la Beijing Philharmonic, e ha tenuto concerti nelle più prestigiose sale del mondo quali la Carnegie Hall, il Théâtre des Champs Elysées e la Salle Gaveau di Parigi, la Herkulessaal di Monaco, il Bunkakaikan di Tokyo, il Teatro alla Scala di Milano, il Palais des Beaux Arts di Bruxelles 

    Ha fondato la Kaunas Chamber Orchestra diventata Kaunas Symphony Orchestra in Lituania e partecipa al Festival Oistrach di Odessa.
    È in varie tournée in Giappone e ha preso parte al progetto Rachmaninoff presentato all'Accademia di Santa Cecilia e al Festival Settimane Musicali di Stresa.

    Tra le sue ultime registrazioni i CD per Dynamic dedicati a Prokofiev: le Sonate e i due Concerti con l’Orchestra della Radio Svizzera Italiana e il DVD dei 24 Capricci di Paganini.

    Pavel Berman insegna presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano e suona il violino Antonio Stradivari ‘Conte De Fontana', Cremona 1702 ex David Oistrach della Fondazione Il Canale di Milano.

  • Bohte Eva

    • Accompagnamento pianistico

    Nata a Ljubljana (Slovenia), ha iniziato a studiare pianoforte con la madre, Martina Bohte, insegnante di pianoforte molto apprezzata in Slovenia.
    Ha quindi frequentato il liceo musicale di Ljubljana con il pianoforte come materia principale con Andrej Jarc. Dopo il diploma del liceo di musica ottenuto con il massimo dei voti, ha continuato gli studi di pianoforte, pedagogia e musica da camera presso la Scuola universitaria di musica della stessa città con Dubravka Tomsic, pianista di fama internazionale e Primoz Lorenz (Lorenz Trio), concludendoli con il massimo dei voti.

    Fin dalla tenera età, ha ottenuto diversi premi in concorsi di pianoforte e musica da camera. Ha frequentato corsi internazionali di perfezionamento con Eugen Indjic (Parigi), Jakob Lateiner (Juilliard School, New York), Leonid Brumberg (Vienna) e Arbo Valdma (Colonia).
    Ha ottenuto una borsa di studio triennale dal governo sloveno per perfezionarsi nella classe concertistica di Rudolf Buchbinder alla Musik-Akademie der Stadt Basel. Per il diploma di maturità concertistica, che ha conseguito nel 1998, ha frequentato corsi di musica da camera con pianoforte e di accompagnamento liederistico con Gerard Wyss, classi di lied con Kurt Widmer, accompagnamento al pianoforte con Albert Guttumann (Menuhin Akademie Gstaadt), musica contemporanea con Jürg Henneberger e Jost Meier, tecnica interpretativa su strumenti storici con Rolf Mäser e musica da camera con Ivan Monighetti.
    Alla Scuola universitaria di musica di Basilea ha accompagnato per due anni la classe di canto di Kurt Widmer e quella di clarinetto di François Benda.

    Dal 1999, al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, Eva Bohte affianca alla attività didattica la collaborazione con le classi di clarinetto di François Benda e Milan Rericha, in qualità di pianista accompagnatrice.

    Si è esibita in diversi concerti sia come solista che in formazioni da camera, partecipando a produzioni televisive e radiofoniche in Slovenia, Austria, Germania, Italia, Croazia e Svizzera.

  • Bonizzoni Fabio

    • Clavicembalo

    Fabio Bonizzoni - considerato tra i principali clavicembalisti e organisti della sua generazione – si è diplomato in organo barocco e in clavicembalo al Conservatorio dell’Aia studiando con Ton Koopman.

    Dal 2004, dopo aver suonato con le più importanti orchestre barocche dei nostri giorni (Amsterdam Baroque Orchestra di Ton Koopman, Le Concert des Nations di Jordi Savall, Europa Galante), si dedica esclusivamente alle sue attività di solista e direttore, in particolare della sua orchestra “La Risonanza”, con la quale si esibisce regolarmente nelle più importanti sale e nei principali festival di musica antica europei.

    È inoltre professore di clavicembalo presso il Conservatorio di Musica di Trapani e presso il Conservatorio Reale dell’Aia (Olanda). È presidente dell’Associazione Hendel, organismo che promuove studi e ricerche sulla musica di Handel in Italia.

    Da diversi anni Fabio Bonizzoni registra per la casa discografica spagnola Glossa. La sua discografia comprende opere di Claudio Merulo, Giovanni Salvatore, Giovanni Picchi, Francesco Geminiani, Bernardo Storace, Domenico Scarlatti. Le sue ultime pubblicazioni come solista sono dedicate alle Variazioni Goldberg e all’Arte della Fuga di J.S. Bach. A breve uscirà un disco dedicato alle Toccate e partite di Frescobaldi per clavicembalo ed organo.

    Con la Risonanza ha ultimato nel 2010 il progetto di registrazione integrale delle Cantate Italiane di Handel, definito dalla rivista “Gramophone” il progetto handeliano più importante del decennio; tre dei sette CD del progetto hanno vinto il prestigioso Handel Stanley Sadie Prize, e l’ultima pubblicazione «Apollo e Dafne» è vincitrice del Gramophone Award 2011.

    La sua attività si arricchisce anche di alcune presenze come direttore ospite; in particolare nel 2011 ha diretto l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano nell’inedito balletto “L’altro Casanova”.

  • Bragetti Stefano

    • Didattica del Flauto dolce, Flauto dolce

    Nato a Genova nel 1962, dopo aver iniziato gli studi pianistici e di composizione e aver concluso quelli liceali completa la propria formazione musicale studiando flauto dolce e prassi esecutiva della musica antica presso il Centro studi e ricerche sulla musica antica della Civica Scuola di Musica di Milano nella classe di flauto dolce di Nina Stern e seguendo i corsi di musica da camera barocca di Laura Alvini e quelli di armonia, contrappunto e analisi di Leonardo Taschera, diplomandosi nel 1985.

    Segue corsi di perfezionamento, seminari e masterclasses sul flauto dolce e la prassi esecutiva della musica dei secoli XVI-XVIII sotto la guida di Marijke Miessen, Pedro Memelsdorff, Kees Boeke e Frans Brüggen a Urbino, Milano e Venezia. Approfondisce lo studio della composizione con Vittorio Fellegara a Milano.

    Segnalatosi in concorsi di esecuzioni nazionali e internazionali (Genova, Stresa) come solista e membro di ensembles, si dedica a partire dal 1981 ad una attività concertistica e didattica estremamente aperta in quanto a repertorio e suggestioni, estremamente sensibile, oltre che all'approccio legato alle prassi esecutive antiche, all'utilizzo del suo strumento sia nel campo della sperimentazione di nuovi linguaggi musicali, e al particolare ruolo dello strumento come mezzo di trascrizione ed appropriazione di repertori "non originali", collaborando a vario titolo con interpreti specializzati nel campo della musica antica e contemporanea (i flautisti Roberto Festa, Antonio Politano, Karel van Steenhoven, Petr Zejfart, le clavicembaliste Emanuela Marcante, Claudia Vignani e Stefania Reiter, i cantanti Nigel Rogers e Cristina Miatello, i direttori Annibale Centrangolo e Giorgio Bernasconi, gli ensembles "The Fairy Consort" e "Music for a while" di Tokyo).

    In un ventennio di attività ha partecipato ad esperienze significative nel campo del consort di flauti dolci in Italia e contribuendo a fondare i quartetti "Mercuriocromo-The Modern Recorder Quartett", "The Fairy Round" e "La Compagnia della Luna Nuova", con cui ha eseguito repertorio antico e moderno curando anche prime esecuzioni assolute e nazionali di autori contemporanei. Ha fondato e diretto l'ensemble di nuova musica "Il Proteo" e l'Orchestra da camera di Cremona. Dedito ad una intensa attività didattica, che lo ha portato ad insegnare nei Conservatori di Messina e Vicenza e dal 1990 al Conservatorio della Svizzera italiana. Ha tenuto masterclasses di flauto dolce a Genova, Milano e a Cremona e dal 1984 è docente ai Corsi Internazionali di Musica Antica di Urbino.

    Dal 1985 si dedica inoltre con passione alla formazione e all'aggiornamento dei docenti di flauto dolce e di educazione musicale in Italia e in Svizzera anche per conto di importanti istituzioni (SIEM, IRRSAE, Dipartimento Pubblica Educazione del Cantone Ticino) e dal 1992 è titolare dell'unica insegnamento accademico ufficiale di Metodica e didattica del flauto dolce tenuto in lingua italiana. Dal 1999 ha fondato presso il Conservatorio della Svizzera italiana un Laboratorio di Musica Rinascimentale. Dal 2001 è vicepresidente dell'European Recorder Teacher Association (ERTA) - sezione italiana.

  • Camenisch Raphael

    • Sassofono
  • Cassone Gabriele

    • Tromba
    • solo Advanced Studies

    Gabriele Cassone, si è diplomato in tromba con il Maestro Mario Catena e in composizione con il Maestro Luciano Chailly. Concertista riconosciuto in tutto il mondo, è apprezzato sia nell'interpretazione della musica su strumenti d'epoca (tromba naturale barocca, tromba classica a chiavi, tromba romantica a cilindri e cornet à pistons) sia nell'esecuzione del repertorio contemporaneo. Luciano Berio lo ha scelto per eseguire suoi brani con tromba solista: Sequenza X per tromba sola e, in prima assoluta, Kol-Od, sotto la direzione di Pierre Boulez con l'Ensemble Intercontemporain. Successivamente ha suonato in scena con il trombonista C. Lindberg, nell'opera di Berio Cronaca del Luogo, commissionata dal Festival di Salisburgo.

    Famosi direttori lo hanno chiamato per eseguire I brani più virtuosistici del repertorio solistico: Sir John Eliot Gardiner lo ha nominato tromba principale degli English Baroque Soloists per l'esecuzione dell'integrale delle Cantate di J.S.Bach e per il Secondo Concerto Brandeburghese. Ton Koopman, direttore dell'Amsterdam Baroque Orchestra, lo ha voluto per registrare la Cantata BWV 51 di J.S.Bach.
    Sempre nell'ambito della musica barocca, ha fondato insieme ad Antonio Frigé (con il quale suona anche in duo) l'Ensemble Pian & Forte. 
    Si è esibito come solista nei maggiori teatri del mondo: Concertgebouw di Amsterdam, Cité de la Musique di Parigi, Scala di Milano, Mozarteum di Salisburgo, Carnegie Hall di New York, Queen Elizabeth Hall a Londra e Wiener Konzerthaus.
    Ha pubblicato più di 20 Cd con brani dal repertorio barocco fino al contemporaneo. Gabriele Cassone è docente presso il Conservatorio di Novara e tiene corsi annuali di alta specializzazione presso l'Accademia di Santa Cecilia a Roma nonchè seminari negli Stati Uniti d'America e in tutta Europa. È sovente nominato membro di giurie nei più prestigiosi concorsi internazionali.

    È autore del libro "LA TROMBA" edito da Zecchini.
    Gabriele Cassone suona trombe Courtois.

    www.gabrielecassone.it

  • Castellani Luisa

    • Canto

    Luisa Castellani, soprano, è particolarmente apprezzata per l'estrema duttilità della sua voce, unisce temperamento appassionato, ironia e vis comica al rigore e al gusto dell'approfondimento musicale, qualità che mette al servizio del suo lavoro didattico, valorizzando le caratteristiche personali di ogni singolo allievo.

    Molti compositori come Kurtág, Ligeti, Morricone e Sciarrino ne hanno fatto un'interprete d'elezione. Berio l'ha voluta per dar voce al suo Calmo e per lei ha creato il ruolo di Ada in Outis.

    Luisa Castellani ha cantato nel repertorio cameristico e in ruoli operistici, presso Teatro alla Scala, Teatro La Fenice, Teatro Real di Madrid, Maggio Musicale Fiorentino, Accademia di Santa Cecilia, Barbican Centre di Londra, Konzerthaus di Vienna, Philharmonie di Berlino, Opéra Bastille e Châtelet di Parigi e Carnegie Hall di New York, dove è stata invitata da Maurizio Pollini.
    Si è inoltre esibita sotto la conduzione di importanti direttori d'orchestra, fra i quali Berio, Boulez, Gelmetti, Sinopoli, Tate, Thielemann  e con orchestre come Filarmonica della Scala, London Sinfonietta, Radio France, Israel Symphony Orchestra.
    Invitata dal Wien Modern, dal Festival di Salisburgo, dalle Biennali di Helsinki, Venezia e Berlino, dal Settembre Musica di Torino e dall'Automne Musical di Parigi, ha cantato il Marteau sans Maître di Pierre Boulez con l'Ensemble intercontemporain di Parigi e l'Ensemble Modern di Francoforte, ha collaborato con il Quartetto Arditti, il gruppo Contrechamps di Ginevra e con solisti quali Ballista, Canino, Gaslini e Lucchesini.

    Ha inciso più di 40 LP e CD per le più importanti case discografiche tra cui Teldec e Deutsche Grammophon. Si segnalano in particolare l’integrale dei Lieder di Mozart, il monografico sulle cantate di Telemann, il “Pierrot Lunaire” di Schoenberg con Sinopoli, “Sequenza III” di Berio e la “sinfonia n.3” di Gorecki. 

    Potete trovare informazioni più dettagliate su partners e luoghi, la discografia, esempi audio e video, sul suo sito web: www.luisacastellani.ch 

  • Cattarossi Monica

    • Accompagnamento pianistico

    Monica Cattarossi, nata a Treviso e diplomatasi presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia, si è dedicata con particolare passione alla musica da camera.

    Ha studiato con il M° Jacques Rouvier, il M° Konstantin Bogino ed il M° Andrea Lucchesini; ha completato il biennio di specializzazione sotto la guida del M° Alberto Baldrighi, laureandosi con il massimo dei voti e la menzione d’onore e ha concluso gli studi universitari laureandosi col massimo dei voti e la lode in Musicologia, presso l’Università di Cremona.

    Oltre a suonare come solista con varie orchestre in Europa, è regolarmente invitata in prestigiosi Festivals, tra cui Montepellier, Kuhmo, Ohrid, Kronberg, Città delle Nazioni; da anni è presente nelle stagioni di associazioni concertistiche come la Società dei Concerti di Milano, l’Unione Musicale di Torino, gli Amici della Musica di Firenze e ha suonato presso la Carnegie Hall di New York, Kuhmo e Arts Center Hall di Seoul, Hercules Saal di Monaco, Kitara Hall di Sapporo, Salle Cortot a Parigi, Teatro Itaim a Sao Paolo.

    È partner del violoncellista Enrico Dindo e affianca all'attività concertistica un’intensa didattica, come pianista accompagnatore presso il Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano, l’Accademia “W. Stauffer” di Cremona, il Mozarteum di Salisburgo e come docente di Musica da Camera presso il Conservatorio “G.F. Ghedini” di Cuneo.

  • Cavadini Gabriele

    • Didattica della Chitarra

    Inizia lo studio della chitarra con Dante Brenna a Lugano. In seguito frequenta il Conservatorio cantonale di Sion, diplomandosi nel 1986 sotto la guida di Alexandre Rodrigues. 

    Nel 1991 consegue la virtuosità strumentale con la menzione di eccellenza. Segue diversi corsi d’interpretazione musicale con il maestro Alberto Ponce. Suona sia in qualità di solista che in formazioni da camera. È membro del “Torres Guitar Quartet”, formazione con la quale ha effettuato produzioni discografiche e televisive. Con questo Ensemble si è esibito in vari paesi europei e d’oltre oceano. È stato insegnante di chitarra dal 1987 al 1998 al Conservatorio di Sion. Svolge la sua attività didattica presso il Conservatorio della Svizzera italiana quale docente della sezione professionale per chitarra e metodica dello strumento come pure quale insegnante di chitarra presso il dicastero scuola di musica. È insegnante di musica strumentale presso il Liceo cantonale ticinese. Nell'ambito di questa scuola è pure direttore delle orchestre dei licei di Bellinzona e Locarno. È membro di “Amici della chitarra”, associazione che si occupa della diffusione della cultura e della pratica chitarristica nel canton Ticino.

     

  • Ceccarelli Sandro

    • Corno
    • Assistente classe David Johnson

    Sandro Ceccarelli ha studiato presso il Conservatorio di Como con il M° A. Borroni e nel 1991 si è diplomato con il massimo dei voti presso il medesimo istituto, sotto la guida del M° D. Passarino.

    Nel 2000 ha conseguito il diploma di perfezionamento presso il Conservatorio della Svizzera italiana con il M° D. W. Johnson e successivamente, nel 2002, ha conseguito il ‘diploma da solista' presso la Musikhochschule di Winterthur sotto la guida del medesimo maestro.

    Ha collaborato con diverse orchestre italiane, tra cui l'Accademia di S. Cecilia. Dal 2003 è assistente nella classe di corno del M° D. W. Johnson presso il Conservatorio della Svizzera italiana.
    Dal 2000 è primo corno presso l'Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi.

  • Cesarini Franco

    • Direzione orchestra fiati, Teoria

    Nato nel 1961 ha iniziato lo studio del flauto e del pianoforte al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano.

    Ha proseguito la sua formazione nella classe del flautista Peter-Lukas Graf al conservatorio di Basilea, dove ha ottenuto il diploma d'insegnamento e quello di concertista.
    In seguito ha ottenuto il diploma di direzione con Felix Hauswirth e quello di composizione con Robert Suter e Jacques Wildberger.
    Quale solista e membro di gruppi cameristici ha ottenuto importanti riconoscimenti a numerosi concorsi, tra i quali il primo premio con menzione al concorso nazionale svizzero d'esecuzione musicale nel 1981.
    Attualmente è direttore della "Civica filarmonica di Lugano" e della "Civica filarmonica di Balerna".

    Dal 1989 insegna direzione e strumentazione per orchestra di fiati nella sezione professionale del conservatorio di Zurigo. Franco Cesarini è un compositore particolarmente versatile. Oltre alle composizioni per orchestra di fiati il suo catalogo comprende brani di musica vocale, per pianoforte, svariati strumenti solisti, quartetto d'archi e orchestra sinfonica. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il premio della fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia. È inoltre molto richiesto in qualità di membro di giurie a concorsi nazionali ed internazionali, nonché in veste di direttore ospite.

    Un numero considerevole delle sue composizioni è stato registrato su compact disk da rinomati interpreti. È membro del comitato centrale della "World Association for Symphonic Bands and Ensembles" (WASBE), ente musicale dell'UNESCO.

  • Chiarappa Carlo

    • Violino

    È nato a Roma in una famiglia di musicisti. Ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio di Santa Cecilia, perfezionandosi in seguito al Conservatorio Reale di Bruxelles con Louis Poulet e André Gertler. Impegnato in tutta Europa, Venezuela, Stati Uniti, Messico, Israele, Argentina e Australia, Chiarappa ha collaborato con direttori quali Eduardo Mata, Piero Bellugi, Gianandrea Gavazzeni, Zubin Mehta, Jean-Claude Casadesus, Paul Sacher, Luciano Berio, Ernest Bour e Jurij Temirkanov. Ha tenuto corsi di perfezionamento a Bruxelles, Groznjan, Fiesole, Aix-en-Provence, Gerusalemme, Ferrazzano.

    È nato a Roma in una famiglia di musicisti. Ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio di Santa Cecilia, perfezionandosi in seguito al Conservatorio Reale di Bruxelles con Louis Poulet e André Gertler. Impegnato in tutta Europa, Venezuela, Stati Uniti, Messico, Israele, Argentina e Australia, Chiarappa ha collaborato con direttori quali Eduardo Mata, Piero Bellugi, Gianandrea Gavazzeni, Zubin Mehta, Jean-Claude Casadesus, Paul Sacher, Luciano Berio, Ernest Bour e Jurij Temirkanov. Ha tenuto corsi di perfezionamento a Bruxelles, Groznjan, Fiesole, Aix-en-Provence, Gerusalemme, Ferrazzano.

    Nel marzo del 1996 ha fondato l'ensemble "RISONANZE", assumendone la direzione musicale.
    Suona su un J.B. Vuillaume (copia Stradivari) del 1868.

  • Cincera Andreas

    • Contrabbasso

    Dopo aver conseguito i diplomi d’insegnamento, orchestrale e di solista „con lode“ con Harald Friedrich, ha frequentato corsi di perfezionamento con Francesco Petracchi (Italia), Garry Karr (Canada) e studi “post graduate” con Duncan McTier (Londra). Durante gli studi ha ottenuto diverse borse di studio e premi. Dopo un’esperienza pluriennale in orchestra (tra l’altro nell’Orchestra della Tonhalle e nell’Orchestra dell’Opera di Zurigo), attualmente concentra la sua attività artistica come membro del Collegium Novum Zürich, come musicista da camera e solista e nell’ambito di produzioni teatrali che lo portano ad esibirsi in centri e festival musicali sia in patria che all'estero.

    Accanto al contrabbasso moderno, Andreas Cincera suona anche il violone in intonazione barocca e classica ed utilizza sia la tecnica francese che quella tedesca. La sua attività di musicista e docente è arricchita dal suo interesse per l’interpretazione storica delle varie epoche, per la musica contemporanea, per l’improvvisazione, come pure per l’aggiornamento didattico e pedagogico.

  • Clerici Brunella

    • Direzione voci bianche

    Brunella Clerici si diploma in Pianoforte, Composizione e Direzione di Coro presso il Conservatorio ‘Giuseppe Verdi’ di Milano. I suoi interessi professionali la portano a privilegiare gli ambiti pedagogici: nel 1983 affronta la prima direzione di un coro di voci bianche. Non ha più smesso.

    La docenza presso il Conservatorio della Svizzera italiana (CSI) le consente di unire la passione per il canto corale con l’attenzione per l’educazione degli allievi. Presso la Scuola di Musica del CSI ha promosso e coordina l’attività corale che ha visto negli anni il coinvolgimento di oltre di oltre 500 giovani voci.

    Il percorso corale, strutturato su 4 livelli, interessa attualmente circa 150 cantori dai 6 ai 18 anni e prevede una regolare e bilanciata attività concertistica che permette ai giovani l’accesso alla formazione artistica in senso lato. Fra le passate collaborazioni quelle con Claudio Abbado, Diego Fasolis, l’Orchestra della Svizzera Italiana e l’Orchestra La Verdi di Milano, la Maîtrise di Radio France, il Progetto Martha Argerich, il Festival MITO.

    Dal 2004 è docente di ‘Didattica di Direzione delle Voci Bianche’ presso la Scuola Universitaria del CSI, percorso biennale di formazione rivolto a musicisti interessati allo sviluppo delle competenze della direzione di coro in ambito giovanile. Dal 2011 dirige anche il Coro Giovanile del CSI all'interno del dipartimento Pre-College.

    Nel marzo 2012 ha ricevuto una ‘Distinction’ da parte de L’ Ordre des palmes Académiques per la diffusione della cultura francese in Ticino.

  • Conenna Andrea

    • Didattica del Pianoforte

    Andrea Conenna, milanese, si diploma a pieni voti in pianoforte nel 1989.

    Si perfeziona con grandi didatti e concertisti quali Boris Petrushanski, Paul Badura Skoda, Bruno Canino. Con Konstantin Bogino, studia per un triennio presso l'Accademia di Portogruaro e successivamente ottiene, con lode, il Diploma di Perfezionamento presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana, sotto la guida di Nora Doallo.
    È stato premiato in diversi concorsi di musica da camera e come solista. Dal 1989 suona in varie formazioni da camera ma soprattutto come solista, sia in Italia sia all'estero.
    Ha conseguito, con lode, il Diploma di Pedagogia Musicale presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana sotto la guida di Roberto Braccini e, con il massimo dei voti, il Diploma in Didattica della Musica (quadriennale) presso il Conservatorio di Musica di Como.
    È stato dal '91 fino all'anno 2006 docente di pianoforte principale presso la Scuola Comunale di Musica di Desio (Mi) dove ha ricoperto la carica di vicedirettore. Dal 2006 è docente di pianoforte presso la Scuola di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana, dal 2009 lavora anche nella sezione Pre-College e dal maggio 2011 è docente di didattica del pianoforte nella Scuola universitaria di Musica.

  • Conti Andrea

    • Trombone

    Allievo dei professori Giulio Gabbiani e Giuseppe Mangione presso la Scuola di Musica "G. Verdi" di Prato si è diplomato nel 1985, all'età di 18 anni, come privatista presso l'Istituto Musicale "P. Mascagni" di Livorno.
    Successivamente ha studiato con Vinko Globokar presso la Scuola di Musica di Fiesole e con William Cramer, docente della Florida State University. Ha continuato questa esperienza con docenti americani sia con periodi di studio a Chicago sia con Masterclass in Italia, Svizzera e Germania, avendo modo di frequentare, tra gli altri, Arnold Jacobs, E. Kleinhammer, C. Vernon, F. Crisafulli, A. Conant (frequentando la sua classe alla Musikhochschule di Trossingen), R. Martin e Joseph Alessi.

    È vincitore di audizioni presso l'Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna "A. Toscanini", l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia, l'Orchestra Giovanile della Comunità Europea "E.C.Y.O.", e di concorsi presso il Teatro San Carlo di Napoli (1° Trombone dal febbraio 1987 all'aprile 1988), il Teatro dell'Opera di Roma, il Teatro alla Scala di Milano, il Teatro Comunale di Firenze "Maggio Musicale Fiorentino" (1° Trombone dal 1988 al 1997), il Teatro dell'Opera di Monaco di Baviera "Bayerische Staatsoper" (1. Solo-Posaunist dal 1997 al 2003). Nell'Ottobre 2002 è risultato vincitore della selezione (Concorso ad invito) per Primo Trombone presso l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, posizione che occupa attualmente.

    Ha collaborato, sempre come 1° Trombone, con varie Istituzioni, fra le quali le Orchestre di Napoli e di Roma della RAI, l'Accademia di Santa Cecilia di Roma, il Teatro alla Scala, l'Orchestra della Radiotelevisione di Lipsia (Mittel Deutscher Rundfunk Sinfonie-Orchester), i "Solisti Veneti", la "Gustav Mahler Jugend Orchester", l'Orchestra Filarmonica della Scala, la Israel Philharmonic Orchestra (dove è stato invitato come 1º Trombone nella Tournee Europea del 2001), l'Orchestra Filarmonica della Fondazione "Arturo Toscanini", lavorando con direttori quali C. Abbado, L. Maazel, M. W. Chung, C. M. Giulini, Z. Mehta, G. Pretre, R. Muti, S. Bychkov, C. Scimone, W. Sawallisch, G. Sinopoli, A. Pappano.

    Ha svolto attività cameristica con il gruppo "Armonia d'ottoni", con il quintetto "Ottoni Fiorentini", con il gruppo "Opera Brass" della Bayerische Staatsorchester e con i gruppi "Italian Brass Quintet" e "Italian Brass Ensemble".
    Ha eseguito in diverse occasioni il Concerto per Trombone e Orchestra di Nino Rota (con l'Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna "Arturo Toscanini" diretta da Julian Kovatchev, con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Zuccarini, con l'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia diretta da Myung-Whun Chung, con l'Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Marc Tardue, con l'Orquestra Nacional do Porto diretta da Marzio Conti). Nel 2002 è uscito sul mercato un CD, per l'etichetta inglese Chandos, con la registrazione dello stesso Concerto con I Virtuosi Italiani, sotto la direzione di Marzio Conti.

    È stato per 9 anni docente di Trombone e Basso Tuba presso la Scuola di Musica "G. Verdi" di Prato ed è stato invitato in importanti Teatri e Orchestre come "Commissario Esterno" per Audizioni e Concorsi. Ha tenuto Masterclass e Concerti per varie istituzioni, come l'Associazione EuroMusica di Asolo, l'Associazione Diapason di Cremona, l'Istituto Musicale "Baravalle" di Fossano, l'Associazione Ex allievi dell'Umberto I di Salerno, il Conservatorio Statale di Musica "A. Buzzolla" di Adria, il Conservatorio "A. Pedrollo" di Vicenza, il Civico Istituto Musicale di Varese, il Conservatorio di musica di Ginevra, l'Associazione Mousikè di Martina Franca, l'Istituto Musicale Pareggiato "Giovanni Paisiello" di Taranto e l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dal 1997 al 2003 è stato docente di Trombone e Basso Tuba, Musica da Camera per Ottoni e Sezione degli Ottoni in vari Corsi di Formazione Professionale della Fondazione "Arturo Toscanini" di Parma. È stato inoltre docente di Trombone per il Biennio Superiore al Conservatorio "Giovambattista Pergolesi" di Fermo.

    www.andreaconti.it

  • Conti Giovanni

    • Canto Gregoriano

    Musicologo e gregorianista Giovanni Conti si è formato alla scuola del celebre studioso svizzero Luigi Agustoni per oltre 35 anni docente di semiologia e canto gregoriano al Pontificio Istituto di Musica Sacra. Studi specialistici in Paleografia e Filologia musicale, Musica sacra e Liturgia.

    Ha tenuto seminari anche alla Facoltà Teologica di Lugano, all’ Università di Parma e a Cremona.

    È stato summer visiting professor alle Università di Hiroshima, Madrid e a Salamanca. Direttore artistico della Rassegna svizzera Cantar di Pietre.

    È vice-presidente dell’Associazione Internazionale di Canto Gregoriano. Attualmente produttore musicale presso la Radiotelevisione svizzera, ha al suo attivo numerose produzioni musicali discografiche e video.

  • De Gregorio Luca

    • Accompagnamento pianistico

    Nato a Milano nel 1964, ha studiato con Carlo Vidusso, Alberto Mozzati e Paolo Bordoni diplomandosi all'età di diciotto anni presso il Conservatorio "G.Verdi" di Milano col massimo dei voti e la lode. Si è in seguito perfezionato con Maria Tipo al Conservatorio Superiore di Ginevra dove ha ottenuto i diplomi di "Perfectionnement" e "Premier Prix de Virtuositè" nel 1989. Negli stessi anni ha completato gli studi di composizione, sotto la guida di Renato Dionisi e Bruno Zanolini, diplomandosi presso il Conservatorio di Milano.

    A quindici anni è risultato vincitore del 2.premio al Concorso Internazionale Maria Canals Ars Nova di Barcellona (Spagna) e a sedici ha debuttato nella Sala Verdi di Milano eseguendo il 2. Concerto per pianoforte e orchestra di Saint-Saëns con l'Orchestra I Pomeriggi Musicali. Si è in seguito esibito in alcune delle principali istituzioni concertistiche europee (Autunno Musicale di Como, Midem di Cannes, Ami di Milano, Lyceum di Firenze, Palau de la Musica di Barcellona, Victoria Hall di Ginevra, Salle Paderevsky di Losanna, Sala Liszt di Budapest ecc.) effettuando nel contempo numerose registrazioni radiotelevisive per le reti nazionali francesi (Tv5, Radio France), italiane (Rai3), svizzere (RTSI, RSR, RSD) e americane (Radio Konc).

    Ha tenuto concerti come solista con prestigiose formazioni sinfoniche quali Orchestre de la Suisse Romande, l'Angelicum di Milano e l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, con la quale si è esibito al Teatro La Pergola di Firenze in occasione dell'esecuzione integrale dei Concerti di Mozart al 54.mo Festival Maggio Musicale Fiorentino per il bicentenario Mozart del 1991.
    Nel 1992 ha debuttato con entusiastici consensi negli Usa presso lo Scottsdale Center for the Arts di Phoenix (Arizona) eseguendo il secondo Concerto di J.Brahms con la Scottsdale Symphony Orchestra che lo ha in seguito invitato come ospite solista nelle successive stagioni 1993, 1996 e 2002 con concerti di Beethoven, Saint-Saëns e Schumann. Svolge, accanto all'impegno solistico, un'apprezzata attività cameristica che lo ha portato a suonare con rinomati strumentisti europei quali Francesco De Angelis, Stefan Schilli, Rex Martin; con i flautisti Bruno Grossi e Maxence Larrieu ha registrato, per la Iris Suono, un cd dal vivo dedicato al repertorio flautistico ottocentesco e con il trombettista Francesco Tamiati ha recentemente inciso per la rete televisiva Sky Classica. Dal 1985 al 2003 ha insegnato Pianoforte nei Conservatori di Milano, Parma, Pesaro ed Alessandria e dal 2004 è titolare della cattedra di Pianoforte Principale presso il Conservatorio "A.Buzzolla" di Adria.

    È docente di "Tecnica dell'accompagnamento e della collaborazione al pianoforte" per i bienni specialistici di pianoforte presso l'Istituto Musicale Pareggiato "G.Puccini" di Gallarate.
    Dal 1993 è assistente al pianoforte al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano.

  • Del Mastro Sergio

    • Didattica del Clarinetto

    Ha iniziato la sua attività musicale come fanciullo cantore in un coro polifonico e ha intrapreso giovanissimo lo studio del pianoforte. Successivamente ha studiato clarinetto al conservatorio di Torino con Peppino Mariani diplomandosi col massimo dei voti. Nello stesso Istituto ha poi studiato canto con Elio Battaglia e privatamente composizione con Ettore Dabbene. Ha ricoperto il ruolo di primo clarinetto in diverse orchestre fra cui la RAI e il Teatro Regio di Torino, l’Orchestra di Padova e del Veneto e i Pomeriggi Musicali di Milano. Ha collaborato con celebri solisti fra i quali Yuri Bashmet, Ilya Grubert, Antonio Ballista, Francois Leleux,e prestigiose formazioni da camera quali il Prajak Quartet,il Quartetto di Zagabria, l’Ensemble Carme, il Trio Rachmaninov tenendo concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti, in Russia e in Giappone. Insieme con l’oboista Omar Zoboli ha fondato l’Ottetto Classico Italiano e con il clarinettista Kurt Weber il “Clarinart Ensemble” di Berna, città nella quale ha vissuto per diversi anni.

    È direttore delle formazioni da camera dell’“Accademia dell’Annunciata” di Abbiategrasso e dell’ Ensemble “ASSAMI” (Associazione Amici del Conservatorio di Milano). Ha realizzato incisioni discografiche per le etichette “Nuova Era”, “Stradivarius”, BMG Ricordi e “MGA” di Parigi ed è frequentemente membro della giuria in diversi concorsi internazionali.

    È docente al Conservatorio di Milano e al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano ed è fresco di stampa un suo testo dedicato alla didattica dell’improvvisazione pubblicato dalla casa editrice Carisch.

  • Dindo Enrico

    • Violoncello

    Figlio d’arte, inizia a sei anni lo studio del violoncello. Si perfeziona con Antonio Janigro e nel 1997 conquista il Primo Premio al Concorso "ROSTROPOVICH" di Parigi.
    Da quel momento inizia un’attività da solista che lo porta ad esibirsi con le più prestigiose orchestre del mondo come la BBC Philharmonic, la Rotterdam Philarmonic, l’Orchestre Nationale de France, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, la Tokyo Symphony Orchestra, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di San Pietroburgo, la London Philharmonic Orchestra, la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, la Toronto Symphony, la Gewandhausorchester Leipzig Orchestra e la Chicago Symphony ed al fianco dei più importanti direttori tra i quali Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Jarvj, Valery Gergev, Yuri Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovich che scrisse di lui: "... è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana".

    Tra gli autori che hanno creato musiche a lui dedicate, Giulio Castagnoli (Concerto per violoncello e doppia orchestra), Carlo Boccadoro (L’Astrolabio del mare, per violoncello e pianoforte e Asa Nisi Masa, per violoncello, 2 corni e archi), Carlo Galante (Luna in Acquario, per violoncello e 10 strumenti), Roberto Molinelli (Twin Legends, per violoncello e archi, Crystalligence, per cello solo e Iconogramma, per cello e orchestra) e Jorge Bosso (Valentina! Un violoncello a fumetti).
    Creatore e Direttore stabile dell’Orchestra da camera “I Solisti di Pavia”, è docente della cattedra di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera italiana, presso la Pavia Cello Academy ed ai corsi estivi dell’Accademia T. Varga di Sion.
    Dal 2013 è Accademico di Santa Cecilia e nel 2014 é stato nominato Direttore Musicale della Croatian Radiotelevision Symphony Orchestra di Zagabria.

    Enrico Dindo incide per Decca e Chandos e suona un violoncello Pietro Giacomo Rogeri (ex Piatti) del 1717 affidatogli dalla Fondazione Pro Canale.

    www.enricodindo.com

  • Doallo Nora

    • Pianoforte

    Nora Doallo è nata a Buenos Aires e ha studiato pianoforte con Juan Salomon alla Scuola Superiore di musica dell’Università Nazionale di Cuyo, dove si è diplomata nel 1959. A partire dall’anno successivo, si è perfezionata con uno dei maggiori didatti del nostro tempo, Vincente Scaramuzza. Nel 1960 ha ottenuto il primo premio all’unanimità al concorso “Mozart” in Argentina.

    Ha tenuto concerti in America Latina, Italia e Germania. Dal 1978 è docente della classe di perfezionamento pianistico al Conservatorio della Svizzera italiana. Dalla sua scuola sono usciti numerosi pianisti che si sono imposti in importanti concorsi internazionali ed hanno intrapreso brillanti carriere concertistiche. Tiene regolarmente Corsi di Perfezionamento in Svizzera e in Argentina.

  • D'Onofrio Sandro

    • Pianoforte

    Sandro D’Onofrio inizia lo studio del pianoforte a sei anni sotto la guida di Ida Mannatrizio e si forma successivamente con Eke Mendez e Nora Doallo conseguendo il diploma al Conservatorio S. Cecilia di Roma.
    In seguito all’incontro con il violinista argentino Alberto Lysy si dedica al repertorio cameristico collaborando con la “Camerata Lysy” e approfondendo in seguito questo genere con musicisti come Sandor Vegh,Bruno Giuranna e Riccardo Brengola col quale frequenta i corsi all’Accademia S.Cecilia di Roma.

    Studia inoltre con Jakob Gimpel,Eduardo Vercelli,Aldo Ciccolini,M.J.Pires e A.Weissenberg.
    Si è esibito in tutta Europa, Stati Uniti ed Estremo Oriente tenendo tra l’altro seminari e ha effettuato diverse registrazioni radiofoniche e discografiche.
    Da molti anni è docente di pianoforte e musica da camera presso il Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano e svolge intensa attività concertistica.

  • Fagone Enrico

    • Contrabbasso

    Si diploma giovanissimo con il massimo dei voti presso il Conservatorio Nicolini di Piacenza con il  M°Leonardo Colonna, perfezionandosi poi con maestri di fama internazionale fra cui Franco Petracchi (Fondazione W. Stauffer) e Klaus Stoll (Berliner Philharmoniker). Inoltre, ha studiato Composizione con Jorge Bosso e direzione d'orchestra alla scuola "Claudio Abbado" di Milano e con Jorma Panula a Helsinki (Panula Academy).

    Viene regolarmente invitato ad esibirsi come Direttore e solista  da orchestre quali Dallas Symphony Orchestra, Mendelsshon Chamber Orchestra, l’Orchestra di Padova e del Veneto, NYSO Orchestra Nazionale Giovanile Inglese, Cameristi del  Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Svizzera Italiana, Napa Valley Symphony Orchestra, Orchestra Nazionale del Paraguay, Italian Ensemble (Teatro Bellini di Catania), Bilkent Symphony Orchestra,  Orchestra Municipale di Rosario, I Virtuosi Italiani, Orchestra Classica di Alessandria, Orchestra Filarmonica Italiana, I Musici di Parma. 

    Recentemente è stato invitato a dirigere un concerto  al Teatro Verdi di Busseto (Città natale di Giuseppe Verdi) con i cantanti Vladimir Stoyanov, Amarilli Nizza, Azer Zada e  il Coro dell'Opera di Parma con musiche  di G.Verdi e G.Puccini. Inoltre ha diretto un concerto Sinfonico al Teatro Ristori di Verona con l'Orchestra Filarmonica Italiana e da citare tra i prossimi impegni un concerto al Patchogue Theatre di New York con la neonata "Long Island Concert Orchestra" in un programma interamente dedicato a  Sergei Prokofiev.
     
    Prima di iniziare la sua carriera come direttore d'orchestra ha avuto l'opportunità di suonare per quindici anni il grande repertorio Sinfonico e Operistico come Primo contrabbasso dell'orchestra della Svizzera Italiana e con alcune tra le più grandi Istituzioni  quali, Orchestra del Teatro alla Scala, Orchestra Sinfonica di Lucerna, Orchestra del Teatro Regio, Festival Strings Lucerne, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro dell'Opera di Roma,  NHK di Tokio  sotto la direzione di alcuni tra i più grandi direttori del nostro tempo tra cui Lorin Mazeel, Nello Santi, Myun-Whun Chung, Christian Thielemann, Bernard Haitink  e Daniele Gatti. 
     
    È docente di Contrabbasso presso il Conservatorio della Svizzera Italiana ed è regolarmente invitato a tenere masterclass nelle più importanti istituzioni mondiali quali la Juilliard School di New York, Manhattan School of Music, Jerusalem Academy, Royal Academy di Londra, Conservatorio Superiore di Parigi CNSMDP, IUNA di Buenos Aires, Royal Danish Academy di Copenhagen, Mozarteum di Salisburgo, Toho Gakuen di Tokyo.

    Enrico Fagone appare regolarmente nei più importanti festivals di camera in tutto il mondo dove collabora con artisti quali Martha Argerich, Mischa Maisky, Vadim Repin, Katia e Marelle Labèque e molti altri. Ha registrato per le etichette discografiche EMI, Deutsche Grammophon e Warner.  
  • Forti Olena

    • Accompagnamento pianistico
  • Fratelli Diego

    • Repertorio antico

    Diego Fratelli ha curato edizioni monografiche di musiche polifoniche, sacre e profane, di alcuni autori italiani per le edizioni Rugginenti di Milano, per Turris di Cremona e per il Festival internazionale Luca Marenzio; ha anche pubblicato, con Paolo Portoghesi e altri, una ricerca su musica e architettura nei trattati settecenteschi di G.B. Vittone per il Centro Studi di Grignasco; ha collaborato con riviste specializzate e con case discografiche quali Amadesu, Ars Musici, Glossa e con alcuni teatri per la messa in scena di pagine del XVII secolo (Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Regio di Torino).

    Docente da anni presso importanti istituzioni musicali quali la Accademia Internazionale della Musica (ex civica di Milano) e i conservatori di: Brescia, Firenze, Lecce, Lugano, Perugia e il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Milano, per l’insegnamento di discipline inerenti le teorie e le prassi musicali rinascimentali e barocche come teoria musicale del periodo rinascimentale, esercitazioni corali su fonti originali, musica d’insieme, contrappunto vocale,storia della musica antica.

    Svolge anche una intensa attività seminariale presso importanti enti quali la Fondazione Cini di Venezia, i Corsi internazionale di musica antica di Urbino, il Coro Costanzo Porta di Cremona, i conservatori di Aosta, Torino, Venezia.

  • Ghiretti Rino

    • Tuba

    Rino Ghiretti, nato nel 1965 a Pieve di Cadore ( Belluno ) inizia gli studi all'età di 9 anni a Cortina d`Ampezzo in seguito dal 1979 al 1984 al Conservatorio di Musica „ G. Verdi „ di Milano sotto la guida del M° Bruno Ferrari. Ha suonato con numerose ed importanti Orchestre Italiane ed estere, tra le quali: Berliner Philarmoniker, Teatro la Fenice di Venezia, Teatro alla Scala di Milano, Orchestra Filarmonica della Scala di Milano, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino,Teatro Regio di Torino, Orchestra A. Toscanini di Parma, Orchestra Filarmonica Toscanini di Parma, Orchestra Sinfonica Italiana, Orchestra Symphonica Toscanini, Orchestra de „ I Pomeriggi Musicali di Milano“, Orchestra di Stato Cluj Romania, Orchestra della Suisse Romande di Ginevra, Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano , Orchestra G. Cantelli di Milano ed Orchestra G. Verdi Milano, Orchestra Sinfonica di San Remo. Ha suonato sotto la guida di importanti Direttori tra i quali: R. Muti, C. Abbado, L. Maazel, D. Ziman, S. Rattle, G. Pretre, Z. Mehta, R. G. De Burgos, W. Sawallisch, Ghierghiev, G. Patanè, G. Bertini, A. Lombard, S. Baudo, R. Chailly, C. Kleiber, M. Rostropovic, e tanti altri.

    Nella musica leggera e Jazz ha suonato con numerosi solisti di fama mondiale come: Mina, Ray Charles, Max Roach, Dave Brubeck, Dianne Reeves, Maynard Ferguson. Inoltre fa parte del Gruppo di Ottoni del Teatro alla Scala di Milano, del Quintetto Italiano di Ottoni e dell‘ Ensemble Italiano di Ottoni. Tiene numerosi master class tra cui il Big Brass Festival nella provincia di Torino assieme ad insegnanti di fama mondiale (J. Gourly, A. Icov, F. Meels, M. Becquet).

    Attualmente è docente presso il Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi“ di Torino e al Conservatorio della Svizzera italiana; collabora costantemente con l’Orchestra della Svizzera Italiana e l’Orchestra Symphonica Toscanini.

  • Goritzki Johannes

    • Violoncello

    Johannes Goritzki ha studiato con Gaspar Cassadò, André Navarra e Pablo Casals. Cassadò in maniera particolare è stato per lui insegnante e figura paterna allo stesso tempo, rivelando al giovane Goritzki l’anima timbrica del violoncello.

    Johannes Goritzki ha inciso più di 40 dischi. Una perla della sua discografia è il concerto per violoncello di Othmar Schoeck: questa incisione è stata premiata con il “Grand Prix du Disque – Discobole de L’Europe”. Oltre al tradizionale repertorio di concerti per violoncello ed orchestra e di brani per violoncello solista (Bach, Reger, Kodaly, Veress etc), Johannes Goritzki esegue vere e proprie rarità musicali, come per esempio quelle create in collaborazione con il pianista Pavel Gililov.

    Dal 1980 al 2003 Johannes Goritzki è stato il Direttore Principale della “Deutsche Kammerakademie Neuss am Rhein”, con cui si è esibito a livello mondiale, sia come violoncello solista che come direttore: questi concerti internazionali lo hanno condotto in luoghi come l’Australia, la Svizzera, i Paesi Bassi, l’Austria, la Cina, la Corea, la Francia, il Messico, la Polonia, la Romania, il Perù, la Bolivia, la Repubblica di El Salvador, l’Argentina, il Giappone, il Cile, il Brasile, l’Uruguay, l’Italia, la Spagna, il Guatemala, la Colombia, la Repubblica di Costa Rica e la Grecia.

    Si è esibito inoltre presso i seguenti festival musicali: “Ansbacher Bachwochen”, “Berliner Festwochen”, “Enescu Festival” di Bucarest, “Festivales Musicales de Buenos Aires”, “Festival de l’Île de France”, “Festival Gstaad”, “Festival Lockenhaus”, “Schleswig-Holstein Musik Festival”, “Settimane Musicali di Ascona”, “Flandern Festival”. Ha inoltre accettato l’invito di Krzysztof Penderecki a partecipare al Festival “Beethoven Osterfestival” di Cracovia.

    Johannes Goritzki conduce Masterclass in tutto il mondo. Dal 1972 al 2007 è stato professore di violoncello presso la “Robert Schumann Hochschule” di Duesseldorf, Germania. Dal 2008 è professore di violoncello presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, Svizzera; dal 2010 insegna con il titolo di “Prince Consort Professor” presso il Royal College of Music di Londra.

    www.goritzki.de

  • Gotlibovich Yuval

    • Viola

    Nato in Israele, tra i suoi insegnanti principali vi sono Atar Arad e Anna Rasnovsky.
    Gotlibovich ha ottenuto primi premi in competizioni internazionali tra i quali: il “Fridolin Rusch”, “Aviv Competition”, "Avion Competitions” e nel 2004 la Chamber Music Competition “Fischoff”.

    Le attività concertistiche di Gotlibovich si svolgono prevalentemente in Europa, Stati Uniti e Israele. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica di Gerusalemme, i Tel Aviv Soloists, l’Orchestra del Texas Festival e l’Orchestra da camera Ostrobothnian. Ha collaborato con artisti di fama quali: Menahem Pressler, Marc-André Hamelin, George Pludermacher, Nobuko Imai, Janos Starker e molti altri altri. Ha inciso per la BBC in Gran Bretagna, la CBC in Canada, la IBA in Israele, la FRA in Francia, la Deutschlandfunk in Germania, e la NPR negli Stati Uniti.
    È regolarmente ospite in festival e corsi estivi: Kuhmo in Finlandia, Roundtp in Texas, Giverny e Villefavard in Francia.

    Un album dal titolo “Chamber Music of Jean Françaix" lo ha visto protagonista con la prima registrazione della versione originale della "Rhapsodie per viola e pianoforte" (1946) e del Trio per Clarinetto, Viola e Pianoforte.
    Ha collaborato con l'Ensemble Modern a Francoforte, Ensemble Callisto a Chicago, ICTUS a Bruxelles, 216BCN a Barcellona e 21 in Israele e con compositori come Krzysztof Penderecki, Henri Dutilleux, György Kurtág e Sofia Gubaidulina.
    Compositori come Alexandre Eisenberg e Justin Merritt hanno scritto concerti per viola che sono stati presentati in prima assoluta da Gotlibovich.

    Gotlibovich è stato il più giovane Professore alla facoltà dell'Indiana University dal 2004 al 2008. È entrato nella facoltà della Escuela Superior de Musica Reina Sofia come assistente del Professore Diemut Poppen ed dal 2009 è Professore al Conservatorio della Svizzera italiana, Scuola universitaria di Musica, Lugano.

  • Harsch Mauro

    • Pianoforte

    Mauro Harsch, nato a Lugano nel 1961, ha compiuto i suoi studi musicali a Lugano, Venezia e Milano, dove ha studiato, tra gli altri, con C. Vitalini, N. Méndez e M. C. Salomon. Ha suonato in Svizzera e all’estero e realizzato incisioni discografiche – distribuite in Europa, Australia e Stati Uniti – che hanno ottenuto unanimi consensi di pubblico e di critica.

    Dal 1987 insegna pianoforte e musica da camera presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana. Numerosi suoi allievi si sono distinti in concorsi internazionali e svolgono attività concertistiche e pedagogiche. Nel 1994 ha fondato il "St. Moritz Piano Festival" e nel 2002 ha costituito una Fondazione che promuove iniziative artistico-culturali nella Svizzera Italiana (corsi, festival, concerti, concorsi) volte a favorire la formazione di studenti e l’attività di giovani artisti. Anche in questo ambito Mauro Harsch tiene regolarmente corsi di perfezionamento pianistico e di musica da camera. Nel 2012 ha dato vita al "PianoVideoProject", iniziativa che vuole estendere l'attività artistica degli studenti anche nel campo della comunicazione audiovisiva e multimediale. Recentemente ha ricevuto importanti riconoscimenti nell’ambito di produzioni discografiche dedicate all’opera di Fryderyc Chopin.

    Nel 2014 ha creato Il Villaggio della Musica a Sobrio Leventina (Svizzera Italiana), un centro d'incontro internazionale dove studenti, giovani artisti e musicisti affermati operano nella ricerca e nella sperimentazione in campo artistico e pedagogico. Il Villaggio ospita masterclass, corsi di vario genere e un festival estivo dedicato al pianoforte e alla musica da camera.

    È spesso membro di giuria in diversi concorsi pianistici internazionali.

    www.mauroharsch.ch

     

  • Johnson David

    • Corno

    David Johnson ha studiato al New England Conservatory of Music di Boston diplomandosi alla Royal Academy of Music di Londra.

    Come solista e camerista David Johnson ha vinto premi nei concorsi internazionali di Ginevra, Narbona, Barcs (Ungheria), Brussels e Tokyo. È stato primo corno con la Boston Opera Orchestra, la Niedersächsisches Staatsorchester Hannover, la Philharmonia Hungarica e la Radio-Sinfonie-Orchester Basel.

    Con il Quartetto Americano di Corni David Johnson ha tenuto più di 600 concerti in tutto il mondo. Dal 1989 è corno principale alla Berner-Symphonie-Orchester. È stato docente al Conservatorio di Berna e alla Staatliche Hochschule für Musik di Friburgo. Dal '91 insegna alla Musikhochschule Winterthur Zürich.

    www.davidjohnsonhorn.com

  • Kamber Andreas

    • Corno
  • Kissóczy Mark

    • Direzione d'orchestra

    Marc Kissóczy nasce nel 1961 in Canada da genitori svizzero-ungheresi. Studia violino a Zurigo e Berna (“Konzertdiplom” con lode) e Direzione d’orchestra. Come direttore acquista in seguito maggiore esperienza frequentando la Pierre Monteux School negli USA perfezionandosi con Gustav Meier, Pierre Boulez e Sergiu Celibidache.

    Oltre ai premi e le borse di studio conseguiti durante la carriera accademica, Marc Kissóczy ottiene in seguito notevoli successi in diversi concorsi nazionali ed internazionali, come ad esempio l’affermazione al prestigioso concorso di Ginevra 'Ernest Ansermet' nel 1994, del quale diventa più tardi membro di commissione e presidente.

    La lista delle orchestre dirette da Marc Kissóczy comprende, oltre alla 'Tonhalle-Orchester Zürich', tutte le maggiori orchestre svizzere, l’'Orchestre National de Lyon', l’'Ensemble Intercontemporain Paris', la 'Orquestra Municipal do Sao Paulo', la Taipei Sinfonietta, la 'Orquestra Nacional do Porto', la Tampere Philharmonic Orchestra, la 'Radiosinfonieorchester Saarbrücken' e molte altre orchestre internazionali.

    Nel corso degli anni, Marc Kissóczy diventa sempre più famoso come direttore d’orchestra in campo operistico, nella direzione di concerti per Capodanno e per bambini, così come nella realizzazione di colonne sonore e nella promozione della musica contemporanea – molti dei suoi lavori vengono premiati e i suoi concerti vengono continuamente proposti in Europa, Asia e Sud America.

    Nel 1999 riceve il più alto premio culturale dalla nazione del Vietnam per le sue opere a favore della musica e per i suoi sforzi nel ripristinare la scena musicale vietnamita.

    Marc Kissóczy è il direttore principale della 'Camerata Zürich' e assistente universitario del corso di Direzione presso la 'Musikhochschule Zürich'.

  • Klemm Silvia

    • Educazione Musicale Elementare

    Silvia Klemm nasce a Roma nel 1961. Figlia d'arte, segue una formazione classica ma si interessa anche ad altri tipi di musica in particolare al jazz. La sua passione per l'insegnamento la porta in Francia e in Inghilterra dove partecipa a vari progetti musicali per ragazzi, come la creazione e l'esecuzione di musicals. In Inghilterra si laurea in psicologia e successivamente ottiene un diploma pedagogico. Nel 1987 si trasferisce negli Stati Uniti, per approfondire la sua conoscenza del jazz. Si iscrive al Berklee College of Music dove segue corsi di jazz, musica elettronica, composizione moderna e classica. Al Berklee si diploma “cum laude” in composizione per musica da film e successivamente alla Tufts University in composizione classica. Riceve il premio Sorensen per la sua attività nel campo della musica da film e due borse di studio per merito nel campo della musica moderna e della composizione classica. Finiti gli studi si dedica alla composizione e alla didattica.

    Nel 1997 si trasferisce a Firenze. Insegna formazione musicale, musica d'insieme per ragazzi e dirige un' orchestra giovanile. Collabora con varie associazioni arrangiando e componendo per gruppi giovanili strumentali e vocali.

    Nel 2001 viene contattata dal Conservatorio della Svizzera Italiana. Collabora alla creazione di un nuovo modello d’insegnamento per la didattica musicale nelle scuole pubbliche (educazione musicale nella scuola d’infanzia ed elementare) sotto la direzione di Armin Brenner. Nel novembre 2001 diventa docente nel corso di studi III e un anno dopo ne diventa la responsabile. Si stabilisce definitivamente a Lugano nel 2003 dove oltre al suo lavoro di formazione, insegna educazione musicale d bambini dai 4 ai 10 anni.

  • Kölliker Mark

    • Direzione corale

    Il direttore svizzero-brasiliano Mark Kölliker ha studiato direzione e didattica della musica presso la "Hochschule für Musik" di Basilea, seguendo come materie principali canto e pianoforte. 
Ha sostenuto con lode l'esame finale in direzione corale con il Prof. Raphael Immoos.

    Si è laureato sempre con lode al biennio di specializzazione in direzione d'orchestra con il Prof. Klaus Arp e il Prof. Mario Venzago e in direzione di coro con il Prof. Georg Grün presso la "Hochschule für Musik Mannheim".

    Mark Kölliker è stato assistente di Mario Venzago in diverse produzioni (fra le altre: MDR Rundfunkorchester e Rundfunkchor a Lipsia, Orchestra sinfonica e coro di Malmö, Heidelberger Philharmoniker, orchestra sinfonica di Basilea) e di John Nelson alla Tonhalle-Orchester di Zurigo. Mark Kölliker è direttore artistico del Choeur de Chambre jurassien, Choeur des Emibois, Coro del Ginnasio di Porrentruy e dei Kammersolisten dell'Orchestra di Basilea.

    Canta prevalentemente con ensembles vocali professionali come il Vokal Schweizer Kammerchor, i Madrigalisti di Basilea, Orpheus Vokalensemble, Basler Vokalsolisten, Camerata Vocale Freiburg, Kammerchor Saarbrücken.

    Insegna coro alla Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana da settembre 2010.

  • Kravtchenko Anna

    • Pianoforte

    Nata nel 1976, Anna Kravtchenko inizia a studiare pianoforte alla età di cinque anni.
    Ha studiato con il Maestro Leonid Margarius all'Accademia pianistica Internazionale di Imola, dove è stata ammessa “Ad Honorem”.

    Nel 1992, a soli 16 anni vince il primo premio a Bolzano nel prestigioso concorso pianistico internazionale “Ferruccio Busoni”, dopo ben cinque anni che il premio non veniva assegnato.

    Harold C. Schonberg, critico americano e giurato dell'edizione 1992 del concorso, scrisse “Il suo suono radioso e le sue poetiche interpretazioni hanno portato gli ascoltatori alle lacrime» (New York Times Magazine).

    Nel corso della sua carriera ha suonato per le maggiori istituzioni musicali europee come: la Sala della Filarmonica di Berlino, la Sala Grande del Musikverein di Vienna, il Concertgebouw di Amsterdam nella “Meesterpianisten serie”, per il Festival di Brescia e Bergamo, nella Sala Verdi di Milano per le “Serate musicali”, nella Herkulessaal di Monaco di Baviera, per il Ruhr Klavier-Festival, nella Salle Gaveau di Parigi, alla Tonhalle di Zurigo, al Festival La Roque D'Antheron, Wigmore Hall di Londra, nella Victoria Hall di Ginevra, per il Festival “Piano Aux Jacobins” di Tolosa, per il Festival di Bergen, ecc.. Inoltre si è esibita in Giappone, in Sud Africa, negli Stati Uniti ed in Canada.

    Ha suonato con la BBC Philharmonic Orchestra, la Swedish Radio Symphony, la Baltimora Symphony Orchestra, l'Orchestra da Camera della Radio Bavarese, l’Orchestra da Camera di Losanna, la Netherlands Philharmonic Orchestra, la Residentie Orchestra, la Essen Philharmonic, la London Royal Philharmonic, la Baltimora Symphony Orchestra, la English Chamber Orchestra, la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, la Israel Chamber Orchestra, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, ecc..

    Nel 2006 registra un cd per la DECCA Records, un recital interamente dedicato a Chopin, e nello stesso anno Anna Kravtchenco vince negli USA l’International Web Concert Hall Competition.

    Il suo ultimo CD per la DECCA dedicato a Liszt è stato recensito con cinque stelle ed ha ricevuto l'assegnazione del titolo “Cd del mese” sulle principali riviste italiane comprese Amadeus, Classic Voice, Suonare News e Musica.

    Nel 2010 la Deutsche Grammophon ha selezionato quattro sue incisioni per inserirle nel cofanetto "Grande Classica" e "Classic Gold", pubblicati nel maggio 2010.

    Insegna al Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

  • Krylov Sergej

    • Violino

    Nato a Mosca in una famiglia di musicisti, Sergej Krylov inizia lo studio del violino a cinque anni e all’età di dieci anni debutta con l’orchestra, affrontando i primi impegni concertistici in Russia, Cina, Finlandia e Germania. Giovanissimo conquista il Primo Premio al Concorso Internazionale “R. Lipizer” di Gorizia e, dopo un periodo di perfezionamento con Salvatore Accardo, vince il Concorso “A. Stradivari” di Cremona e il Concorso “F. Kreisler” di Vienna.

    Nella sua carriera ha suonato nelle grandi sale internazionali quali Philharmonie di Berlino, Philharmonie e Herkulessaal di Monaco, Musikverein e Konzerthaus di Vienna, Théatre des Champs-Elysées e Auditorium de Radio France a Parigi, Bozar di Bruxelles, Megaron di Atene, Suntory Hall di Tokyo, Teatro Colon di Buenos Aires, Teatro La Fenice di Venezia e Teatro alla Scala di Milano.

    Sergej Krylov collabora con prestigiose orchestre, tra le quali Staatskapelle di Dresda, Orchestra del Teatro Mariinsky, Wiener Symphoniker, English Chamber Orchestra, Russian National Orchestra, St. Petersburg Philharmonic, Hessischer Rundfunk Frankfurt, Camerata Academica Salzburg, Orchestra Verdi di Milano, NHK Symphony Tokyo, Czech Philharmonic, Filarmonica Toscanini, Philharmonisches Staatsorchester di Amburgo e Copenhagen Philharmonic.

    Tra le personalità artistiche con cui ha collaborato, Mstislav Rostropovich è stata una figura fondamentale per il rapporto di amicizia e stima creatosi negli anni, oltre a quello professionale.

    Lavora con direttori quali Valery Gergiev, Yuri Temirkanov, Vladimir Ashkenazy, Mikhail Pletnev, Rafael Frühbeck de Burgos, Nicola Luisotti, Andrey Boreyko, Vladimir Jurowski, Dmitri Kitajenko, Julian Kovatchev, Saulius Sondeckis, Zoltan Kocsis e Yuri Bashmet. Oltre ai numerosi recital per violino solo nelle principali sale da concerto, Krylov è molto impegnato nella musica da camera e collabora con partner quali Yuri Bashmet, Bruno Canino, Itamar Golan, Denis Matsuev, Lilya Zilberstein, Aleksandar Madzar, Yefim Bronfman, Stefania Mormone, Maxim Vengerov, Misha Maisky, Nobuko Imai, il Belcea Quartet ed Elina Garanca.

    Dal 2009 è Direttore Musicale della Lithuanian Chamber Orchestra. La sua discografia include registrazioni per EMI, Melodya e Agorà. Sergej Krylov suona lo Stradivari “Scotland University” (1734) della Collezione Sau-Wing Lam su concessione della Fondazione A. Stradivari di Cremona.

  • Laura Massimo

    • Chitarra

    Vincitore del Primo Premio nei prestigiosi Concorsi Internazionali di Alessandria 1986, Milano 1987 (nel centenario di Villa-Lobos con tournée in Brasile), e “Tarrega” a Benicasim (Spagna) nel 1988.

    Il suo repertorio spazia dall'Ottocento al Novecento, ed ha suonato con diverse orchestre. Di particolare rilievo è il Primo Concerto di Mauro Giuliani con la Camerata Academica del Mozarteum di Salisburgo diretta da Sándor Végh. Ha inoltre suonato come solista con le orchestre sinfoniche di Basilea, Nazionale del Cile, Sanremo, Filarmonica Betica di Siviglia e Tokyo (con cui ha suonato il Concierto de Aranjuez). Dal 1980 è il chitarrista ufficiale del Teatro alla Scala di Milano.

    Ha inciso diversi cd per chitarra, tra i quali: “Giochi” (ed. Rugginenti) e “Carillon” Musiche di B. Terzi (ed. Rugginenti).

  • Maggetti Jolidon Anna

    • Pedagogia e psicologia
  • Meszaros Gabor

    • Fagotto

    Gabor Meszaros è docente presso la Scuola universitaria di Musica "Conservatorio della Svizzera italiana" di Lugano, dove svolge la sua attività didattica. Tiene regolarmente corsi di perfezionamento in Italia, Ungheria ed in Svizzera. Fa regolarmente parte di giurie di concorsi nazionali ed internazionali.

    Concerti e recital in numerosi importanti centri musicali a Zurigo, Berna, Berlino, Colonia, Madrid, Barcellona, New York, ecc., come pure registrazioni radiofoniche e televisive confermano la sua fama di straordinario interprete del suo strumento.
    Nel anno 2002 è uscito il suo CD: Musica per fagotto e pianoforte - "Francia" della casa discografica "La bottega discantica" di Milano, che ha ottenuto ottime critiche.

    Nel corso della sua carriera ha conseguito diversi premi nazionali ed internazionali. È fondatore e membro di diversi gruppi di musica da camera, tra i quali Il Nonetto Svizzero. Grazie alla sua ampia esperienza in questo campo è molto apprezzato come musicista in ensemble. Ha eseguito con successo concerti con musicisti quali Elisaveta Blumina, Alessandro Carbonare, Ingo Goritzki, François Benda, Hans Elhorst e il Quartetto Orpheus.
    È stato fagottista di numerose orchestre sinfoniche in Svizzera, Spagna e Germania, dove ha collaborato anche come solista con direttori come Arpad Joo, Víctor Pablo Pérez, Anthony Wit, Franz-Paul Decker, Philippe Bender, Johannes Goritzki e Odón Alonso. È stato invitato quale primo fagotto a partecipare al "Millennium Gala Concert of the Nations", tenutosi al Lincoln Center di New York e patrocinato dall'ONU.

    www.gabormeszaros.com

  • Micheli Lorenzo

    • Chitarra

    Definito "l'esecutore ideale dello strumento" (Enzo Siciliano, La Repubblica), Lorenzo Micheli, chitarrista e tiorbista, ha vinto alcuni tra i piu' importanti concorsi di interpretazione del mondo (Gargnano, Alessandria, Guitar Foundation of America). Negli ultimi quindici anni un'attivita' artistica che conta oltre cinquecento concerti - come solista, in duo e con orchestra - lo ha portato in quasi tutti i paesi europei, in centocinquanta citta' di Stati Uniti e Canada, in Africa, in Estremo Oriente e in America Latina. 

    Lorenzo tiene regolarmente masterclass per Universita' e Festival americani ed europei, ha registrato per radio e televisioni di quattro continenti e pubblicato saggi e contributi su riviste specializzate italiane e straniere. e' responsabile della SoloDuo Collection per l'editore canadese D'Oz. Insieme a Matteo Mela ha suonato nelle sale da concerto di tutto il mondo, dalla Carnegie Hall di New York alla Konzerthaus di Vienna, dalla Sala delle Colonne di Kiev alla Sejong Hall di Seoul: il Washington Post ha salutato il loro duo come "extraordinarily sensitive - nothing less than rapturous". La sua discografia comprende una monografia sulle opere per chitarra sola di Dionisio Aguado, una sui Quartetti op. 19 di Francois de Fossa, le Sonate di Ferdinand Rebay e un'antologia sulla musica italiana del Seicento per tiorba e chitarra barocca (Stradivarius); un CD dedicato alla musica di Castelnuovo-Tedesco, i Duos Concertants di Antoine de Lhoyer e l'integrale delle opere di Miguel Llobet (Naxos); la registrazione dei Concerti di Castelnuovo-Tedesco (Brilliant), un doppio disco sulla musica da camera di Mauro Giuliani (Amadeus), due florilegi di opere per due chitarre (Noesis e Solaria, Pomegranate), l'album Morning in Iowa (con David Knopfler, di imminente pubblicazione) e i 24 preludi e fughe per due chitarre di Mario Castelnuovo-Tedesco (Solaria).


    www.lorenzomicheli.com e www.soloduo.it.

  • Moccia Alessandro

    • Violino
  • Modesti Anna

    • Didattica del Violino

    Anna Modesti concilia la formazione musicale con una formazione nell’ambito della ricerca sulla didattica musicale ed una nell’ambito di neuroscienze e musica.

    Dal 1989 insegna violino e musica d’insieme presso la Scuola di Musica del Conservatorio della Svizzera Italiana e dal 1994 si occupa di formazione degli insegnanti presso la sezione professionale della stessa istituzione.

    In questa sede è stata promotrice di un progetto per la crescita delle classi di strumento ad arco che attualmente coinvolge più di duecento giovani strumentisti e che ha portato alla nascita di quattro orchestre a quattro differenti livelli.

    Dal 2003 al 2005 è stata tra i componenti del comitato direttivo della sezione italiana dell’associazione E.S.T.A. (European String Teachers Association).
    Dal 2005 svolge attività di ricerca nell’ambito della didattica per violino.
    Dal 2011 al 2016 è stata membro della commissione “Editoria” della SIEM (Società italiana di Educazione Musicale).
    Dal 2107 è membro della Commissione Scientifica della Scuola di Musica di Fiesole.
    Come formatrice di insegnanti collabora regolarmente con diverse istituzioni in Italia e in Svizzera.

    Pubblicazioni:

    • Primo Starling - DeLay  Symposium (2002), “Esta Quaderni”, 16, 4-20
    • Didattica del violino (2007) in Tafuri – McPherson, “Orientamenti per la didattica strumentale”, LIM, Lucca, 191-220.
    • L’applicazione alla didattica degli strumenti ad arco dei risultati della ricerca scientifica (2008), “Proceedings of the 35th International ESTA Conference”,182-205.
    • Le indicazioni dell’insegnante e lo studio individuale nella didattica di uno strumento(2009) in M. Baroni, “L’insegnamento come scienza”, LIM, Lucca, 85-97
    • Dire, fare…imparare: musica con le fiabe. Applicazione delle strutture narrative alla pratica musicale con bambini e pre-adolescenti (2013) in Baroni, “L’ascolto a Scuola”, Quaderni della SIEM, Universitalia, 59-85

    Numerosi suoi allievi, gruppi cameristici ed orchestre si sono distinti nell’ambito di diversi concorsi nazionali ed internazionali per giovani strumentisti sia in Italia che in Svizzera.

  • Molardi Stefano

    • Organo

    Organista, musicologo, clavicembalista e direttore cremonese, deve la sua formazione musicale a personalità di spicco del panorama mondiale quali Kooiman, Stembridge, Vogel, Tagliavini ed in particolare Michael Radulescu, con il quale si è perfezionato presso la Hochschule für Musik (ora Musikuniversität)di Vienna, con cui ha collaborato, in qualità di basso continuo, all’Académie Bach di Porrentruy (CH).

    Premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali organistici, tra cui Pasian di Prato (UD) nel 1998, Viterbo (edizione del 1996), Brugge e il Paul Hofhaimer di Innsbruck, ha intrapreso una brillante carriera come concertista solista e in ensemble da camera, svolgendo un’intensa attività concertistica in importanti rassegne in Italia, in Europa, Brasile, USA, suonando nelle sale più prestigiose del mondo, tra cui la Walt Disney Concert Hall di Los Angeles e la Sala Sao Paulo in Brasile, il Musikverein di Vienna, la Carnagie Hall di New York, la Jordan Hall di Boston il Concertgebouw di Amsterdam, il teatro La Fenice di Venezia, ecc.

    Come organista si è esibito in prestigiose rassegne italiane ed europee, quali, Musica e Poesia a S. Maurizio a Milano, Festival organistico internazionale di Treviso, Festival di Valvasone (PN), Festival internazionale di Maastricht (NE), Wiener Orgelkonzerte, Rassegna organi storici della Turingia, Rassegna organistica di Nürnberg, Festival di Magadino (CH) e in altri centri italiani ed europei .

    Nel 2009 ha eseguito a Lugano l’opera omnia organistica di F. Liszt e di C. Franck.

    È titolare della cattedra d’organo presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano e presso il Conservatorio di Trapani, tenendo anche masterclasses e conferenze sulla prassi esecutiva barocca in Italia e all’estero (Lugano, Siviglia, Dresda, Norimberga).

    Ha registrato per Tactus, Christophorus e Deutsch Grammophon. Dal 2003 al 2010 ha registrato per la casa discografia svizzera Divox, sia come solista (4 CD dedicati alla musica organistica di Claudio Merulo), sia come direttore dell’orchestra barocca I Virtuosi delle Muse, che ha diretto dal 2005 al 2013 e con cui ha ottenuto numerosi successi di critica (Amadeus, Early Music, Crescendo) e importanti riconoscimenti internazionali (5 Diapason assegnati dall’omonima rivista francese, 5 stelle di Goldberg, 5 stelle e CD del mese su Amadeus). Ha registrato inoltre per SWR in Germania, MEZZO in Francia, Radio France, Radio Suisse Romande.

    Come direttore d’orchestra ha all’attivo diversi concerti strumentali e vocali in Italia, Ungheria, Francia, Germania, Austria, Spagna, USA, tra cui la Passione secondo S. Matteo di Bach (Ferrara, chiesa di S. Cristoforo alla Certosa), Passione S. Giovanni e Magnificat di Bach (Ferrara), Requiem di Mozart (Festival dell’Aurora di Crotone), le opere teatrali Ademira di Lucchesi del 1784 (Teatro Dovizi di Bibbiena) Mitridate di Porpora del 1730-36 (Teatro Caldéron di Valladolid), il Farnace e Il Giustino di Vivaldi (Vienna, Theater an der Wien, Theatre des Champs-Elysées, Parigi); concerti a Bilbao, Oldenburg, Rheingau, Cremona (Festival Monteverdi), Parigi, Nantes, Monaco, Innsbruck, Londra, Montpellier, Schwetzingen, Dachau, Miami, Istanbul ecc.

    Dal 2013 è direttore dell’Accademia Barocca Italiana, orchestra che raccoglie l’eredità dei Virtuosi delle Muse.

    Nel 2013 ha inciso l’opera omnia per organo di J. S. Bach in 15 CD per la casa discografica Brilliant-Classics.

  • Naboré William Grant

    • Pianoforte
    • solo Advanced Studies

    William Grant Naboré è il presidente della International Piano Association Switzerland. Nato a Roanoke, Virginia (USA), ha intrapreso gli studi pianistici all'età di otto anni con Kathleen Kelly Coxe, e due anni dopo è stato ammesso al prestigioso Hollins College come alunno speciale dell'autorevole musicologa Anne McClenney. Appena diciassettenne, ha vinto una borsa di studio del Governo Italiano, grazie a cui ha proseguito i suoi studi all'Accademia Santa Cecilia di Roma con Carlo Zecchi (allievo di Busoni e Schnabel), frequentando anche le lezioni dell'eminente pianista e didatta Renata Borgatti.

    Successivamente ha seguito i corsi di Rudolf Serkin, George Szell e Alicia de Laroccha ed ha studiato musica da camera con Pierre Fournier a Ginevra, vincendo il Premier Prix de la Virtuosità e Prix Paderewski del Conservatorio di Ginevra. Per più di 20 anni ha collaborato con il Comune di Ginevra, eseguendo tutta la musica da camera con pianoforte di Brahms, Schumann, Dvorak, Beethoven e Schubert con ensemble come i Quartetti Amadeus, Talich, Gabrieli e Brindisi. Si è esibito come solista orchestre, tra cui l'Orchestra di Santa Cecilia, l'Orchestre de la Suisse Romande, l'Orchestra da Camera di Monaco e l'Orchestra Verdi di Milano.

    La sua importante discografia è molto vasta ed eclettica. È stato direttore della Fondazione Internazionale per il Pianoforte "Theo Lieven" fin dalla sua creazione nel 1993 e nel 2002 ha fondato l'Accademia Internazionale del Pianoforte Lago di Como, di cui Martha Argerich e' presidente onorario.

    L'International Piano Foundation è stata fondata dall' industriale tedesco, Theo Lieven. In meno di venti anni è diventata una delle istituzioni più rispettate nel mondo musicale. Ciò è dovuto al successo straordinario dei suoi studenti che hanno vinto una serie di concorsi internazionali e sono considerati alcuni dei migliori giovani pianisti della giovane generazione. Il corso è composto di eccezionale pianista-pedagoghi. Questa attività è ora disponibile presso il Conservatorio della Svizzera italiana.

    www.williamnabore.com

  • Narcisi Lello

    • Flauto
    • Assistente classe Andrea Oliva

    Dopo essersi diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio N.Rota di Monopoli (BA), ha proseguito gli studi presso il Conservatorio della Svizzera Italiana conseguendo i diplomi di: perfezionamento (con lode), solista, pedagogia musicale. Deve la sua formazione flautistica in particolare ai Maestri: A.Ragno, M.Ancillotti ed A.Oliva. Vincitore di diversi concorsi nazionali e internazionali, è stato scelto per quattro anni consecutivi tramite audizione dall'Accademia Gustav Mahler di Ferrara.

    Si è esibito come solista con l’Orchestra della Svizzera Italiana all'età di 22 anni e ha collaborato per diversi anni come primo flauto solista con l’Orchestra della Società dei Concerti di Bari (già Orchestra del Teatro Petruzzelli dal 1985).

    In ambito cameristico, ha suonato al fianco di musicisti di fama internazionale, tra cui Luisa Castellani, Anahi Carfi, Michele Fedrigotti, Mauro Loguercio, Yehezkel Yerushalmi, Pascal Moragues, Fracesco Tamiaiti, Lucas Macìas Navarro, Giuseppe Ettorre e Daniele Damiano, alcuni dei quali prime parti di prestigiose orchestre (Berliner Philharmoniker, Teatro alla Scala, RoyalConcertgebouw, Maggio Musicale Fiorentino ecc.) Vivace promotore di nuovi progetti, in questi ultimi anni ha formato alcuni gruppi stabili tra cui: La Follia Duo, il Quintetto Dioniso, la compagnia teatrale Lupus in Fabula, il Frock Mimemusic e il Trio Quattro.

    Si dedica con passione all'insegnamento, é l'ideatore del metodo „La Nota Chiave“ e insieme al M°Vincenzo Scarafile di „Flauto in Canto“, un metodo innovativo, frutto di una ricerca specifica sull'applicazione della tecnica vocale al flauto.

    Dal 2005 insegna presso l'Accademia Vivaldi della Svizzera Italiana. Nel 2011 ha vinto il concorso come docente di flauto nel Dipartimento Pre-College del Conservatorio della Svizzera italiana e dal 2015 è assistente del M° Andrea Oliva presso la Scuola universitaria di Musica.

    www.lellonarcisi.it

  • Oliva Andrea

    • Flauto
  • Pollini Lorenza

    • Arpa

    Nata a Verona, Italia, si è diplomata in arpa al Conservatorio "Dall'Abaco" di Verona sotto la guida di Mirella Vita nel 1983. Ha frequentato i corsi internazionali di perfezionamento con Pierre Jamet negli anni 1983, ’84, ’85, con Giovanna Verda nel 1984 e con Silvie Beltrando nel 1987.

    Nel 1990 ha conseguito il Konzertreife Diplom all'Accademia di Musica di Basilea con Ursula Holliger.
    Dopo aver vinto il primo premio al Concorso Internazionale "Città di Stresa" e al Concorso "Città di Porcia", ha intrapreso l'attività concertistica come solista e in gruppi da camera: recital, solista con orchestra d’archi, duo con il flauto, trio con flauto e viola, trio con flauto e violoncello, trio con flauto e voce, Ensemble Shalom (musica ebraica), Quintetto Elfran (flauto e archi), ArpeArena Ensemble (quartetto di arpe), collaborazioni con il Quartetto Maffei (archi). Ha iniziato l’attività didattica nel 1984 frequentando in parallelo corsi di aggiornamento e specializzazione: nel 2001 ha seguito il corso di didattica arpistica con Gabriella Bosio, dal 2001 al 2004 ha partecipato al corso sperimentale triennale di arpa barocca al Conservatorio di Verona. Negli ultimi anni si è avvicinata al mondo dell’arpa celtica seguendo corsi sulla musica tradizionale bretone, scozzese e irlandese con D. Bouchaud, Enrico Euron, Grainne Hambly, Catriona Mackay, Catherine Rhatigan, Paul Dooley e Máire Ní Chatasaight. Ha poi approfondito lo studio autonomamente con una intensa ricerca sul repertorio, la tradizione e gli arrangiamenti per questo affascinante strumento. Ha registrato diversi cd come solista e con diverse formazioni curando personalmente gli arrangiamenti. Nel 2009 ha conseguito il Diploma Accademico di Specializzazione in Musicoterapia presso il Conservatorio E.F. Dall’Abaco di Verona.

    Nell’ambito dell’attività orchestrale è stata prima arpa con la Youth Orchestra of European Countries, la Youth Simphony Orchestra of Michigan, l'Orchestra Sinfonica di San Remo, l'Angelicum di Milano, l'Orchestra Filarmonica del Tirreno, l'Orchestra della Radio e Televisione della Svizzera Italiana e con l'Orchestra dell'Arena di Verona con cui collabora tutt'ora.
    Dopo aver insegnato ai Conservatori di Castelfranco Veneto e di Brescia, ha assunto la cattedra del Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

  • Quarta Massimo

    • Violino

    Nato nel 1965, Massimo Quarta ha iniziato i suoi studi musicali all'età di nove anni. Dopo aver conseguito il diploma con il massimo dei voti e la menzione d'onore presso il Conservatorio di Musica "S. Cecilia" di Roma sotto la guida di Beatrice Antonioni, si è perfezionato con Salvatore Accardo, Pavel Vernikov, Ruggiero Ricci ed Abram Stern.

    Vincitore di numerosi concorsi - I° Premio "Città di Vittorio Veneto" 1986, I° Premio "Opera Prima Philips" 1989 - nel 1991 ha vinto il I° Premio al prestigioso Concorso Internazionale di Violino "N. Paganini" di Genova, primo italiano ad ottenere questo ambito riconoscimento dopo la vittoria di Salvatore Accardo, avvenuta nel 1958.

    Lo straordinario successo ottenuto da questo importante riconoscimento lo ha portato ad esibirsi per le più prestigiose istituzioni concertistiche, suonando a Parigi (Salle Pleyel, Théâtre du Châtelet), Monaco di Baviera (Philharmonie im Gasteig), Berlino (Philharmonie), Francoforte(Alte Oper), Düsseldorf (Tonhalle), Tokyo (Metropolitan Art Space, Bunka Kaikan), Varsavia (Warsaw Philarmonic), Mosca (Sala Grande del Conservatorio), Milano (Teatro alla Scala, Serate Musicali, Societá del Quartetto), Roma (Accademia di Santa Cecilia, RAI, Teatro dell'Opera, IUC), Firenze (Amici della Musica, Teatro Comunale), Torino (Unione Musicale), Napoli (Teatro San Carlo, Associazione "A.Scarlatti), Bologna (Musica Insieme), Cannes (Midem), Zagabria (Lisinski Hall).

    Presto considerato come uno dei piú brillanti violinisti della sua generazione, si é inoltre esibito con la Radio Sinfonie Orchester Frankfurt, l'Orchestra Sinfonica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, L'Orchestre National Du Capitole de Toulouse, la Tokyo Philarmonic Orchestra, la Prague Symphony Orchestra, la Real Orquesta Sinfonica de Sevilla, la Budapest Symphony Orchestra, suonando con direttori come Miun Wun Chung, Daniele Gatti, Daniel Harding, Isaac Karabtchevsky, Daniel Oren, Christian Thielemann.

    Ospite di alcuni tra i maggiori festival come Stresa, Napoli, Kuhmo (Finlandia), Bodensee, Kfar Blum (Israele), Berliner Festwochen, Sarasota, Ravenna, Lione, Potsdam, Spoleto, affianca all'attività solistica quella cameristica, collaborando con musicisti come Salvatore Accardo, Bruno Giuranna, Rocco Filippini, Franco Petracchi, Michele Campanella, Natalia Gutman, Joseph Silverstein, François Joël Thiollier, Alfons Kontarsky.

    Nel 1992 gli é stato conferito il Premio Internazionale "Foyer Des Artistes" e nel Gennaio 1995 il "Premio Internazionale Gino Tani per le Arti dello Spettacolo". E' docente di violino al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano (Musikhochschule)La naturale propensione all’approfondimento di tutti gli aspetti che offre la partitura e di un discorso musicale più unitario, lo ha portato recentemente a ricoprire il duplice ruolo di direttore e solista, nella cui veste sarà impegnato in numerosi concerti in Italia e all’estero.
    Massimo Quarta ha inciso per la Philips ed ha registrato per la Radio e la Televisione Italiana, Francese, Tedesca, Ungherese e Giapponese.
    Ha inciso per la Delos le "Quattro Stagioni" di A. Vivaldi con l'Orchestra da Camera di Mosca, per la Dynamic un CD con musiche di N. Paganini, e, sempre di Paganini, i 6 Concerti per violino ed orchestra in versione autografa come violinista e direttore suonando il violino appartenuto al grande violinista genovese.

    I prossimi anni lo vedranno impegnato in numerose esecuzioni dei 24 Capricci per violino solo e l’integrale dei 6 Concerti per violino e orchestra di N. Paganini come solista e direttore con l’Orchestra di Padova e del Veneto presso alcune delle maggiori istituzioni musicali in Italia e all’estero (Accademia Naz. di Santa Cecilia, Unione Musicale di Torino, Serate Musicali di Milano, Associazione Scarlatti di Napoli, Amici della Musica di Perugia, Padova, etc…).
    È stato recentemente nominato Solista e Direttore principale dell’Orchestra dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese.
    Massimo Quarta suona il violino Antonio Stradivari "Marechal Bertier-ex von Vecsey" del 1716.

    www.massimoquarta.com

  • Renggli Felix

    • Flauto

    Felix Renggli è nato a Basilea. Ha studiato con G. Hildenbrand, P.-L. Graf e A. Nicolet ed ha ottenuto il Diploma di Solista al Conservatorio di Basilea. È insegnante di flauto alla Hochschule für Musik di Basilea e al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano e tiene dei corsi in qualità di maestro in Europa, Giappone e America del Sud. Si esibisce in qualità di solista, come pure nell’ambito della musica da camera, in tutt’Europa, in Giappone, in Cina e negli Stati Uniti. Partecipa a festival internazionali, come quelli di Lucerna, Parigi, Bruxelles, Rio de Janeiro e molti altri ancora. Le sue attività musicali spaziano dalla musica contem­po­ranea (p. es. con l’Ensemble Contrechamps) all’interpretazione di musica antica mediante stru­menti d’epoca. Insieme, tra gli altri, a Heinz Holliger, al Quartetto Arditi, all’Ensemble Contrechamps ed al pianista Jan Schultsz, ha registrato numerosi CD di musica antica e contemporanea per le case disco­grafiche Phillips, Accord, Discover Int., Schwann-Koch. È stato cofondatore degli Swiss Chamber Concerts, di cui assicura la direzione artistica insieme a Daniel Haefliger e a Jürg Dähler.

  • Rizzi Marco

    • Violino
  • Rossi Danilo

    • Viola

    Dopo essersi perfezionato con Dino Asciolla, Piero Farulli e Yuri Bashmet, a soli vent’anni Danilo Rossi viene scelto da Riccardo Muti per ricoprire il ruolo che ancora oggi ricopre, di Prima Viola Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala e della Filarmonica della Scala, divenendo la più giovane prima viola nella storia del prestigioso Teatro milanese. 

    Allievo di alcuni tra i più importanti Maestri di viola (Fabrizio Merlini, Piero Farulli, Dino Asciolla, Yuri Bashmet) e di musica da camera (Paolo Borciani e il Trio di Trieste), Danilo Rossi si diploma a 19 anni con il massimo dei voti e lode, ma già dall’età di 16 anni si era messo in luce vincendo il suo primo Concorso Internazionale. Appena diplomato supera il concorso per Prima Viola Solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, divenendo il più giovane strumentista nella storia del Teatro milanese ad aver ricoperto tale ruolo. Da quel momento la carriera di Danilo Rossi sarà costellata da una serie di incontri, concerti, festival, recitals che lo porteranno in giro per il mondo, esibendosi nei più importanti Teatri e nelle più prestigiose sale da concerto.

    Tra gli innumerevoli riconoscimenti il Primo Premio al Concorso “Vittorio Veneto”, per due anni consecutivi vincitore del Diploma D’Onore dell’Accademia Chigiana, membro ECYO dall’età di 16 anni, Vincitore del Secondo Premio e del Premio Speciale della Giuria al Concorso “Yuri Bashmet” di Mosca.

    Come solista ha eseguito tutto il repertorio per viola sotto la guida di Riccardo Muti, Gianandrea Gavazzeni, Riccardo Chailly, Gianandrea Noseda, Ottavio Dantone, Mung Wung Chung, Seji Ozava, Zubin Mehta, Mario Brunello, Anton Nanut, con alcune tra le più importanti Orchestre (Filarmonica della Scala, Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra d’Archi Italiana, Rai di Torino, Orchestra Regionale Toscana, Regio di Torino, Süddeutsches Kammerorchester, Filarmonica di Mosca, Filarmonica di Budapest, Orchestra della Svizzera Italiana di Lugano, Filarmonica di Lubiana, etc.).

    Da oltre trent’anni è la Prima viola solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala, in questo ruolo ha collaborato con i più grandi Direttori d’orchestra: da Claudio Abbado a Daniel Barenboin, da Carlos Kleiber a Wolfgang Sawallisch, da Daniel Harding a Gustavo Dudamel, da Leonard Bernstein a Daniele Gatti a Paavo Järvi.

    Danilo Rossi è sempre molto attivo come camerista, è stato ospite infatti dei più importanti Festival di Musica da camera (ST. Moritz, Cork, Asolo, Ravenna, Vicenza, Joliette, Nijny Novgorod, etc.) dove si è esibito con alcuni tra i più grandi strumentisti: Paul Tortelier, Jury Baschmet, Pier Narciso Masi, Bruno Canino, Myung-whun Chung, Mario Brunello, Andrea Lucchesini, Tomas Brandis, Franco Gulli, il Quartetto Arditti, il Fine Arts Quartet, il Nuovo Quartetto Italiano, Giuliano Carmignola, Boris Belkin.

    Nel 2018 Danilo Rossi festeggerà il sodalizio artistico di trent’anni con il pianista Stefano Bezziccheri, con cui ha suonato nelle sale più importanti d’Europa e con cui ha all’attivo numerosi incisioni musicali che abbracciano tutto il repertorio per viola e pianoforte. Numerosissime le registrazioni radio e tv e gli oltre 40 cd. Nel dicembre 2016 Radio Rai ha dedicato cinque puntate della nota trasmissione RadioTreSuite a Danilo Rossi.

    Si dedica con entusiasmo all'insegnamento, è stato docente in numerosi Corsi di Perfezionamento ed ha tenuto Master negli Stati Uniti, in Cina, in Polonia oltre che in varie Accademie Italiane. Moltissimi gli allievi usciti dalla Scuola di Danilo Rossi: numerosi quelli che ricoprono ruoli importanti in prestigiose orchestre europee o in importanti ensemble.

    www.danilorossiviola.it

  • Rosso Fabrizio

    • Lettura della partitura
  • Rutz Alfred

    • Didattica del Flauto, Flauto

    Studi:

    • 1973 maturità scientifica presso il Liceo Rämibühl di Zurigo
    • 1974/75 allievo di James Galway a Berlino
    • 1975/78 studio del flauto al Conservatorio di Zurigo conclusi con il diploma di Concertista
    • 1978/79 studi di perfezionamento presso la Musikhochschule di Zurigo con il André Jaunet
    • 1979/81 studi e diploma di perfezionamento presso la Musikhochschule di Freiburg i. Br. (Germania) con Aurèle Nicolet

    Premi e riconoscimenti:

    • 1978 vincitore della Médaille de bronze à l’unanimité al Concorso Internazionale di Ginevra
    • vincitore del Premio Paul Streit per la migliore interpretazione di un pezzo musicale svizzero
    • 1979/81 vincitore per tre anni consecutivi della Borsa di studio per giovani musicisti della Società Cooperativa Migros
    • 1981 vincitore del Premio di migliore solista dell’anno conferito dallo Schweizerischer Tonkünstlerverein

    Attività professionale in orchestra:

    • 1975/78 durante gli studi suona come aggiunto all’Opera di Zurigo e nell’Orchestra della Tonhalle di Zurigo.
    • 1980 e 1981 partecipa a una produzione dell’IRCAM di Parigi (opera di Heinz Holliger Come and Go, sotto la direzione del compositore), presentata in varie città d’Europa e al Festival di Avignone.
    • dal 1981 al 2013 è stato Primo Flauto dell’Orchestra della Svizzera Italiana; in tale posizione ha partecipato alle regolari, numerosissime produzioni radiofoniche e televisive della suddetta Orchestra, ai suoi concerti settimanali e alle sue tournées europee (Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein di Vienna), sotto la direzione di maestri quali Eliahu Inbal, Frans Brüggen, Mikhail Pletnev, Rudolf Barshai,Yuri Aronovich, David Shallon, James Loughran, Serge Baudo, Peter Maag, Michael Stern, Nello Santi, Dieter Hausschild, Lu Già, Muhai Tang, Ferdinand Leitner, Jehudi Menuhin.

    Attività professionale solistica:

    • Alfred Rutz ha inciso numerosi concerti e produzioni solistiche per la Radio della Svizzera Italiana, in collaborazione con l’Orchestra della Svizzera Italiana : in particolare i concerti di Mozart (Sol maggiore K 313, Re maggiore K 314), Hoffmeister, Mercadante, Stamitz, Ysang Yun, nonché la suite in si minore BWV 1067 di J.S.Bach. Ha eseguito e registrato il concerto di Mozart per flauto e arpa in Do maggiore K 209 con Susanna Mildonian, sotto la direzione di James Loughran. Occasionalmente ha suonato come solista con altre orchestre svizzere (Orchesterverein Zürich, Orchestre Symphonique de Bienne)

    Attività professionale in formazioni cameristiche:

    • Alfred Rutz si è esibito regolarmente in Svizzera e in Italia in duo con il chitarrista milanese Emanuele Segre e con il Quintetto a fiati della Svizzera Italiana. Il duo è stato anche ospite di prestigiose rassegne internazionali, quali i Concerti dei Servizi Culturali Olivetti e i Bregenzer Festspiele. Occasionalmente Alfred Rutz ha suonato in duo con il cembalo e il pianoforte (Ricardo Castro, Peter Solomon, Mark Davies) e in altre formazioni cameristiche.

    Attività didattica:

    • Dal 1987 è il docente di flauto della Classe di formazione professionale del Conservatorio della Svizzera Italiana.
  • Sabbadini Gioacchino

    • Didattica della Tromba

    Dal 1994 collabora come prima tromba con la civica orchestra di fiati del comune di Milano con la quale si è esibito anche come solista suonando con direttori del calibro di De Mej, Frank Battisti, Jan van der Roost ecc.

    Nel 1999 è stato segnalato alle audizioni indette dall'orchestra sinfonica dell'Emilia Romagna "Arturo Toscanini" con la quale ha collaborato in diverse produzioni nel corso dell’anno 2000.
    Dal 2001 collabora in stagione lirica con l’orchestra dei Pomeriggi musicali di Milano.
    Nel 1998 nel 2002 e nel 2003 è stato riconosciuto idoneo alle audizioni indette dall’ente lirico Arena di Verona.
    È stato segnalato alle audizioni per prima tromba indette dall’orchestra sinfonica “G.Verdi” di Milano con la quale collabora dal 2002 al 2007.

    Dal 2004 al 2007 collabora col Conservatorio della Svizzera italiana per la realizzazione del ciclo di concerti “musica del ‘900” eseguiti in collaborazione con la RTSI.
    Col suo quintetto di ottoni “Milano brass” si è esibito in diverse rassegne italiane e svizzere, tra le quali val la pena citare soprattutto la partecipazione al prestigioso Festival Wien-Berlin (2003), l’apertura del festival fiati del conservatorio di Novara, nonché la registrazione di un CD la cui uscita è prevista nel corso di quest’anno.
    È stato fino al novembre 2007 docente di tromba presso la scuola civica musicale di Cerro Maggiore, l’accademia “Puccini” di Legnano, la scuola musicale di Poschiavo e presso le scuole allievi delle bande di Montagnola, Lurago D’Erba, Moltrasio, Giussano e Rovellasca.
    Nel corso del 2007 è stato invitato da Gabriele Cassone a tenere un Master al conservatorio di Novara.
    È stato membro della commissione tecnica della FE.BA.CO (federazione bande comasche).

    Dal 1997 dirige il corpo musicale di Lanzo d’Intelvi con il quale nel 1999 ha partecipato al concorso “bande in pedana” di Porlezza ottenedo il terzo premio in prima categoria.
    Dal 1998 ha assunto la direzione del corpo musicale “G.Verdi” di Rovellasca e dal 2005 guida anche la neocostituita banda giovanile.
    Dal settembre 2002 è il direttore musicale della Filarmonica Comunale di Poschiavo in Svizzera con la quale ha ottenuto il miglior punteggio alla festa cantonale di Scuol 2007 in terza categoria. Dal 2003 al 2007 ha diretto il corpo musicale “G.Verdi” di Anzano del Parco.
    Dal 2004 ha assunto la direzione del corpo musicale “Collina d’oro musica” di Montagnola (CH).

  • Sahatci Klaidi

    • Violino

    Klaidi Sahatçi nato a Tirana, inizia lo studio del violino all’età di sei anni nella sua città natale frequentando il Liceo Artistico “J.Misja”.

    Nel 1992 si trasferisce in Italia per arricchire le sue conoscenze musicali e consegue nel 1994 il Diploma di violino con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore sotto la guida del maestro Gigino Maestri presso il Conservatorio “G.Verdi” di Milano.

    Si perfeziona in seguito con il maestro Salvatore Accardo presso l’Accademia “W. Stauffer” a Cremona e con il maestro Boris Garlitzky a Lyon.

    Debutta giovanissimo con l’Orchestra Sinfonica della Radio Televisione Italiana a Milano riscuotendo grande successo iniziando cosi una carriera sempre in ascesa. Come solista ha suonato con importanti orchestre tra cui Tonhalle Orchester Zürich, l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestre National de Lyon, la Zürcher Kammerorchester, I Virtuosi Italiani, I Cameristi della Scala, Orquesta National de Chile e con famosi direttori quali D. Zinman, A. Lombard, M. Tang, H. Griffiths, M. Nesterowitz. Svolge un’intensa attività concertistica in formazioni cameristiche per stagioni importanti come Settimane Musicali di Lugano, Meisterzyclus Zürich, Stagione Concertistica al Teatro Grande di Brescia,Voyage d’hiver a Lyon, Kammermusik in Tonhalle Zürich,Società dei Concerti ,Società del Giardino e Teatro alla Scala di Milano dove ha collaborato con musicisti di fama internazionale quali B.Canino, R.Oleg, T. Grossenbacher, D. Sitkovetski, J. Rachlin, F. Say etc.

    Nell'ambito orchestrale ha vinto diversi concorsi internazionali ricoprendo dal 1995-2001 il posto di Violon Solo all’Orchestre National de Lyon,2001-2004 Sostituto violino di Spalla all’Orchestra della Svizzera Italiana,2004-2007 Primo Konzertmeister alla Zürcher Kammerorchester, 2007-2009 Primo Violino di Spalla presso l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e Filarmonica della Scala, dal 2009 ad oggi è Primo Konzertmeister alla Tonhalle Orchester di Zurigo.

    Ha registrato per Mezzo,CLC, France3 e TLM in Francia, Radio Rai in Italia, Drs, Rtsi in Svizzera e Gasparo Records in Usa.

    Klaidi Sahatci suona il violino Antonio Stradivari “Wieniawsky” 1719 offerto dalla Mercedes-Benz Zurich.

    www.klaidisahatci.com

  • Salmi Massimiliano

    • Didattica dell'oboe, Oboe

    Nato nel 1966, ha intrapreso lo studio della musica con il pianoforte all'età di cinque anni. Si è diplomato in oboe nel 1985 presso il Conservatorio di Torino sotto la guida del M° Omar Zoboli con il massimo dei voti e la lode.

    Si è successivamente perfezionato con Ingo Goritzki e Pierre Pierlot, e in oboe barocco con Michel Piguet. Nel 1992 ha conseguito il Konzert Diplom con menzione in oboe e musica da camera con Omar Zoboli e Witold Lutoslawski all'Akademie der Stadt di Basilea.

    Ha suonato con l'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l'Orchestra del Teatro Regio di Torino, L'Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, l'Orchestra Sinfonica Siciliana, l'Orchestra della Radio Svizzera Italiana, con i Solisti Veneti etc. sotto la direzione di maestri quali Zubin Mehta, Riccardo Muti, Colin Davis, Wolfgang Sawallish, Semion Bychkov, Giuseppe Sinopoli, Lorin Maazel, etc.

    Dal 1988 è membro dell'Ottetto Classico Italiano con il quale ha partecipato ai più importanti festival in Italia, Francia, Svizzera, Germania e Finlandia incidendo inoltre per varie case discografiche e registrando per la RAI, la Radio della Svizzera Italiana, Radio France, e per la Deutsche Rundfunk.

    Dal 1998 fa parte dell'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino come corno inglese, e dal 2000 é primo oboe dell'Orchestra da Camera di Mantova.

    La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi sia come solista che in gruppi di musica antica, da camera e contemporanea in Europa, Sud America, Cina, Giappone, ecc. È autore del trattato "The contemporary oboe" edito da Rugginenti.

    All'attività concertistica, dal 1992 affianca quella di professore di oboe presso il Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano.

  • Sarti Matteo

    • Accompagnamento pianistico
  • Schüssler Frank

    • Didattica del sassofono, Sassofono
    • Assistente classe Raphael Camenisch

    Frank Schüssler, born in September 1968 received his classical training in saxophone playing from Iwan Roth.

    Having received his soloist diploma from the Basel academy of music, he went on to receive prizes at the German federal ‘Jugend musiziert’ competition, the ‘Concours international de musique de chambre’ at Ilzach, and the ‘Prix public’ at the Saint-nom-la-Bretech competition.

  • Skorski Leslaw

    • Fisarmonica

    Leslaw Skorski è nato in Polonia e ha studiato fisarmonica con Lech Puchnowski all’Accademia di Musica F. Chopin a Varsavia, dove si è diplomato nel 1984.

    Ha tenuto concerti in Polonia e Svizzera. Dal 1989 è docente della classe di fisarmonica al Conservatorio della Svizzera Italiana.

    Dalla sua classe sono usciti diversi fisarmonicisti che si sono imposti in importanti concorsi ed hanno intrapreso brillanti carriere concertistiche.

    È stato invitato a far parte delle giurie in diversi concorsi di fisarmonica.

  • Tamayo Arturo

    • Direzione d'orchestra

    Nato a Madrid, compie gli studi universitari presso la facoltà di Giurisprudenza e quelli musicali al Conservatorio Reale di Madrid, dove si diplomerà nel 1970 con nota di merito. Nello stesso anno parteciperà al corso di direzione d'orchestra tenuto da Pierre Boulez a Basilea. Dal 1971 studi di direzione d'orchestra con Francis Travis e di composizione con Wolfgang Fortner e Klaus Huber presso la Staatliche Hochschule di Freiburg in Germania. Nel '76 conclude il suo corso di studi in Freiburg con il "Diploma di Direzione d'orchestra". Nello stesso anno si perfezionerà a Vienna sotto la guida di Witold Rowicki. 1979/1998  Professore d’interpretazione della musica del secolo XX alla Musikhochschule di Freiburg.

    Dal 1977 intraprende un'intensa attività che lo vede impegnato in diverse produzione radiofoniche e televisive, sul podio dei più importanti complessi sinfonici europei. Viene inoltra invitato da numerosi festivali internazionali, quali i "Donaueschinger Musiktage", Festival di Salisburgo, "Luzerner Festwochen", Biennale di Venezia, Maggio Musicale Fiorentino, Autunno di Varsavia, "Berliner Musikbiennale", Wien Modern, "Settembre Musica di Torino, "Proms" di Londra.... dove dirigerà in prima assoluta composizioni di John Cage, Iannis Xenakis, Franco Donatoni, Niccolò Castiglioni, Sylvano Bussotti, Wolfgang Rihm, Brian Ferneyhough, Giacomo Manzoni..

    Dirige anche diverse produzione operistiche e di balletto in numerosi teatri, tra i quali la "Deustche Oper di Berlino", la "Wiener Staatsoper", Covent Garden in Londra, Teatro Real di Madrid, Opera di Roma, Opera di Parigi, Opera di Graz, Opera di Basilea, La Fenice di Venezia, Theatre de Champs Elysées Paris, Opera Comique di Parigi, Netherlands Musik Theater Amsterdam, proponendo un repertorio interessante e variato di numerose personalitá, quali Alban Berg, Vinzenzo Bellini, Ferruccio Busoni, Sylvano Bussotti, John Cage, Gaetano Donizetti, Hans Werner Henze, Arthur Honegger, Wolfgang Amadeus Mozart, Giacomo Puccini, Arnold Schönberg, Igor Stravinsky, Giuseppe Verdi, Carl Maria von Weber...

    Ha diretto le più importanti orchestre europee, tra le quali figurano la Symphonie-Orchester des Bayerischer Rundfunks, Berliner Symphonie Orchester, Deutsches Symphonie-Orchester Berlin, Südfunk Stuttgart, WDR-Orchester Köln, Radio-Symphonie-Orchester Frankfurt, BBC-Symphonie Orchestra, Orchestre Nationale de France, Orchestre Philharmonique de la Radio di Parigi, Radio-Symphonie-Orchester Wien, Orchestre Nationale de Beligique, Orchestra Filarmonica di Antwerpen, Orchestre della Residenza dell'Aia, Radio-Symphonie-Orchester Hilversum, Orchestre Nationale de Lyon, Orchestre Nationale de l'Ile de France, Orchestre Philharmonique du Luxembourg, Orchestre de la Suisse Romande, Basler-Symphonie-Orchester, Ensemble Intercontemporain Paris, Holland Kammerorchester, Prager Symphonie Orchester, Oslo Philharmonic Orchestra, Orquesta Nacional de España, Orquesta Ciudad de Barcelona, Orquesta Ciudad de Granada, Orquesta Sinfónica de Euskadi, Orchestre della Rai di Milano, Napoli, Torino e Roma, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra "Toscanini" di Parma, Orchestra de L'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Orchestra del Teatro La Fenice, Orchestra Haydn di Bolzano, Orchestra dell'Opera di Roma...

    Numerose sono le sue incisione discografiche, tra le quali si annoverano quelle con importante orchestre come la BBC di Londra, Ensemble Intercontemporain, Radio-Symphonie- Orchester Frankfurt, Orchestre Philharmonique du Luxembourg (le opere orchestrale di Iannis Xenakis). Ha inciso un CD con opere di Goffredo Petrassi con il coro e l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e un altro con Opere di Franco Donatoni con il coro ed Orchestra de la WDR di Colonia e l'Orchestra Filarmonica di Radio France ai quali sono stati assegnati premi internazionali. Prossimamente inciderà con la Radio-Symphonie-Orchester di Hilversum un secondo CD con opere orchestrali e vocali di Franco Donatoni.

    Selezione di compositori dal XX secolo diretti da Arturo Tamayo:
    Gilbert Amy, Jean Barraqué, Richard Barrett, Francis Bayer, Georges Benjamin, Luciano Berio, Harrison Birtwhistle, André Boucourechliev, Pierre Boulez, Luc Breways, Earle Brown, Francis Burt, Sylvano Bussotti, John Cage, Elliot Carter, Niccoló Castiglioni, Friedrich Cerha, Agustí Charles, Luigi Dallapiccola, José Luis de Delás, Luis de Pablo, Edison Denisov, James Dillon, Franco Donatoni, Pascal Dusapin, Henri Dutilleux, Jean Claude Eloy, Francisco Escudero, Franco Evangelisti, Ivan Fedele, Morton Feldman, Philippe Fénélon, Brian Ferneyhough, Wolfgang Fortner, José García Román, Roberto Gerhard, Gerardo Gombau, Francisco Guerrero, Joan Guinjoan, Gérard Grisey, Georg Friedrich Haas, Jonathan Harvey, Philippe Hersant, Hans Werner Henze, Manuel Hidalgo, York Höller, Heinz Holliger, Klaus Huber, Félix Ibarrondo, Michael Jarrell, Helmut Lachenmann, Mauricio Kagel, Milko Kelemen, Rudolf Kelterborn, Tristan Keuris, Barbara Kolb, György Kurtag, André Laporte, Ton de Leeuw, György Ligeti, Magnus Lindberg, Witold Lutoslawski, George Lopez, Bruno Maderna, Mesias Maiguasca, Ivo Malec, Philippe Manoury, Giacomo Manzoni, Yoritsuné Matsudaira, Olivier Messiaen, Josep Maria Mestres Quadreny, Isabel Mundry, Tristan Murail, Luigi Nono, Christian Ofenbauer, Gonzalo de Olavide, Mauricio Ohana, Younghi Pagh-Paan, Juan Carlos Paz, Goffredo Petrassi, Henri Pousseur, Roman Haubenstock Ramati, Enrique Raxach, Steve Reich, Michèle Reverdy, Wolfgang Rihm, Uros Rojko, Kaja Saariaho, Giacinto Scelsi, Salvatore Sciarrino, Matthias Spahlinger, Karlheinz Stockhausen, Robert Suter, Isang Yun, Iannis Xenakis, Bernd Aloys Zimmermann. 

     

  • Tamiati Francesco

    • Tromba

    Francesco Tamiati, nato nel 1965 a Vercelli, ha compiuto gli studi al Conservatorio “A. Vivaldi" di Alessandria con Luigi Sechi, diplomandosi nel 1984 con il massimo dei voti. Iniziata in giovane età l'attività concertistica, ha vinto prima ancora di concludere gli studi (tra il 1980 e il 1981) numerosi concorsi regionali tra cui il primo premio a Stresa, a Torino e ad Alessandria, oltre a risultare primo classificato al concorso “Rotary International Youth Orchestra".

    Ha quindi completato la sua formazione seguendo corsi di perfezionamento con solisti di tromba di tre grandi orchestre: Armando Ghitalla (Boston Symphony Orchestra), John Wallace (Philharmonia Orchestra di Londra), Hannes Läubin (Bayrische Rundfunk Orchester), Philip Smith (New York Philarmonic).

    In qualità di prima tromba ha suonato con le principali orchestre italiane: Filarmonica della Scala, RAI di Milano e di Torino, Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Teatro San Carlo di Napoli, La Fenice di Venezia. È stato prima tromba titolare del Teatro dell'Opera di Genova, dell'Orchestra della Svizzera italiana (Lugano) e attualmente ricopre la stessa carica al Teatro alla Scala di Milano. Parallelamente svolge un'intensa attività solistica accompagnato da varie orchestre con cui ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive.
    Ha tenuto concerti oltre che in Italia e in Svizzera, in Belgio, Germania, India e Perù.
    In qualità di solista ha partecipato all'allestimento di due opere per il Teatro alla Scala di Milano, fra cui spicca la prima mondiale del “Lohengrin" di Salvatore Sciarrino. Recentemente ha preso parte, come solista, alla produzione concertistica e televisiva della “Messa in si minore" di Bach diretta da Riccardo Muti.

    Francesco Tamiati è molto impegnato nella musica da camera sia in duo con il pianista Fulvio Bottega o con l'organista Giuseppe Radini, sia con diversi gruppi da camera tra cui “Carme Ensemble", “Ensemble E. Varèse", "Next time ensemble", "I solisti della Scala". Egli è inoltre membro fondatore del "Quintetto italiano di ottoni" e dell'"Ensemble italiano di ottoni".
    Ampia è la sua esperienza in campo pedagogico: Tamiati è stato titolare della cattedra di tromba presso i Conservatori “G. Cantelli" di Novara e “G.F. Ghedini" di Cuneo ed ha tenuto corsi di perfezionamento in Italia (Conservatorio "G. Nicolini" di Piacenza e “Accademia Paolo Chimieri" di Rovato a fianco di solisti di fama quali Fabrizio Meloni, Francesco Di Rosa, Alessio Allegrini) oltre che in India e Perù.
    Egli è inoltre docente presso i Corsi d'Alta Formazione Orchestrale Lirico Sinfonica indetti dall'Associazione Banchetto Musicale di Capezzano Pianore e dell' "Accademia Internazionale di Musica Giovanni Carisio" di Santhià. È docente presso il Conservatorio della Svizzera italiana.

  • Teqja Redjan

    • Accompagnamento pianistico

    Redjan Teqja è nato il 4 febbraio 1983 a Tirana, in Albania, figlio del Maestro …. Teqja, direttore dell’Orchestra Nazionale di Albania.

    Inizia lo studio del pianoforte all’età di 5 anni. Nel 2000, a 17 anni, debutta con l’Orchestra della Radio Televisione albanese eseguendo il 2° Concerto di Liszt per pianoforte e orchestra.Nel 2001 si trasferisce a Lugano per proseguire gli studi accademici con la prof. Nora Doallo. Ha partecipato ed è stato premiato nei primi ranghi in occasione di vari concorsi:

    • 1998 Concorso EPTA
    • 2002 Yamaha Europe
    • 2008 Concorso internazionale “Città di Maccagno”

    Ha vinto varie borse di studio:

    • 2002 Confederazione svizzera ESKAS
    • 2003 “Alfonso Sprecher”
    • 2005 Banca Raiffeisen

    Si è esibito con successo in numerosi concerti in Albania, Italia e in Svizzera, dove ha suonato per la stagione concertistica “Ceresio Estate” e per le rassegne di musica del Novecento presso l’Auditorio Stelio Molo della RSI (“Les Noces” di I. Stravinskij, “La boîte à joujoux” di C. Debussy). Nel 2005 è stato pianista nella “Petite messe solennelle” di G. Rossini sotto la direzione del maestro Luigi Marzola a Brescia per il Festival internazionale di musica sacra. Nel giugno del 2006 ha conseguito il diploma di perfezionamento di pianoforte presso il Conservatorio della Svizzera italiana. Nel luglio 2007 ha tenuto un recital nell’ambito della stagione concertistica “I concerti nel chiostro” presso il Conservatorio G. Verdi di Milano.
    Masterclasses con il prof. Till Engel, Gerard Fremi, Vincenzo Balzani, Nelson Goerner e altri. Attualmente lavora anche come pianista accompagnatore presso il Conservatorio della Svizzera italiana e come docente di pianoforte presso l’Accademia Vivaldi di Locarno. Frequenta il master in pedagogia musicale presso il Conservatorio della Svizzera italiana.

    www.teqja.com

  • Thouand Fabien

    • Oboe

    Fabien Thouand ha studiato con Jacques Tys e Jean-Louis Capezzali al CNSM di Parigi dove ha ottenuto un primo premio all'unanimità nel 2000.

    Dal 2001 segue la classe di perfezionamento di Maurice Bourgue al CNSM di Parigi.

    Vincitore di vari premi internazionali quali Praga, Petritoli, Toulon, ha intrapreso una brillante carriera in Francia e all'estero come solista e come primo oboe d'orchestra.

    Dal 2004 è primo oboe all'orchestra del Teatro alla Scala di Milano e alla Filarmonica della Scala.

    Dal 2011 è docente della classe di oboe alla Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana.

  • Trini Monica

    • Canto, Didattica del Canto

    Monica Trini si è accostata alla musica già da piccola studiando pianoforte sino al raggiungimento del Corso Superiore. Dopo la Maturità d’Istituto Magistrale, studia Canto presso il Conservatorio G.Verdi di Milano diplomandosi giovanissima; contemporaneamente partecipa alle esecuzioni di Aida, Turandot, Tannhauser, I Lombardi e Requiem di Verdi con il Teatro alla Scala intervenendo alle tournées di Vancouver (1986), Berlino (1987), Mosca e San Pietroburgo (1989) sotto la direzione dei Maestri L. Maazel, G. Gavazzeni, N.Santi G. Kuhn, C.Abbado, R.Muti.  Vincitrice della Borsa di Studio al Concorso Verdiano di Busseto, si perfeziona con Carlo Bergonzi interpretando, a fine Corso, il ruolo di Mimì al Teatro di Busseto. Ha frequentato l’Accademia di Montegridolfo diretta da Gustav Kuhn e i Corsi di Perfezionamento tenuti da Hildegard Roetger e Hilde Zadec. Ottiene, inoltre,  il Certificato di Pedagogia Musicale e il Diploma di Perfezionamento di Canto presso il Conservatorio della Svizzera italiana studiando con il Soprano Karin Ott.

    Ha cantato nella Madama Butterfly all’Opera di Roma diretta da Daniel Oren; in Aida al The Point Theatre di Dublino (CD Naxsos) e in Nabucco al festival di Avenches con Rico Saccani, per l’Attavanti Festival (Lago Maggiore) Zanetto di Mascagni.

    In recitals, al Teatro delle Erbe, di Milano per la “Società dei Concerti” interpretando arie di: Vivaldi, Mozart, Rossini, Bellini, Verdi.Al Teatro Greco di Milano, al Museo del Teatro alla Scala per gli “Amici del Loggione con musiche di Rossini e i” Duetti Buffi” di Padre Martini in” prima esecuzione”; al Teatro di Siena, al Teatro Regina di Cattolica, al Teatro di Carpi con Michele Pertusi. Al Teatro Studio di Milano per le due serate tenute da Giorgio Strehler dedicate alla lettura del Wilhelm Meister di Goethe ha cantato i Lieder  Mignon di Schuber e, ancora a Milano, per il premio letterario “A.D.O.N.A.I:” alla poetessa Alda Merini si è esibita in brani di H.Pousseur, E.Morricone, L.Donati e G.Manzoni per “voce sola”. Ha collaborato con i pianisti Roberto Negri, Walter Baracchi, Raimondo Campisi, con il chitarrista Nicola Oteri, con l’arpista Anna Loro. Con” Loie Fuller Ensemble” al Palazzo Malvezzi di Bologna e al Teatro Ebe Stignani di Imola inetrpretando brani di Debussy (Chansons de Bilitis) e Ravel (Les Chansons Madecasses).

    Con l’Orchestra Nuova Cameristica diretta da A. Monetti ha inaugurato il Festival del lago d’Orta con Les Illuminations di Britten e, l’anno seguente, presso la mitica Villa Tallone (residenza di studi di Arturo Benedetti Michelangeli) in brani di Tosti, Debussy, Puccini, Leocavallo, Ravel e Turina.Con l’Orchestra e il Coro Europae Cantores di Varese ha eseguito il Requiem di Fauré, Paukenmesse  e la Missa Brevis in Sib Maggiore di Haydn, la Messa  di Incoronazione e il Requiem  di Mozart, lo Stabat Mater di Boccherini , la Petite Messe Solennelle e lo Stabat Mater di Rossini il Gloria di Poulenc diretta da Jeffrey George,  Con l’Orchestra Nuova Cameristica di Milano e il Coro Polifonico Benedetto Marcello e il Coro Città di Como il Gloria di Vivaldi, la Messa in Do Maggiore di Schubert e la Missa in Tempore Belli di Haydn. Con l’Orchestra del Teatro Coccia di Novara diretta da Aldo Tarchetti al Palazzo dei Congressi di Lugano ha interpretato duetti e arie di Verdi in Recital con il baritono Piero Cappuccilli e con l’Orchestra del Conservatorio della Svizzera Italiana diretta da Denis Fedeli nella Messa D 176 di Schubert nella Cantata BWV 209 di Bach nella Chiesa di San Francesco a Locarno oltre ad arie e duetti da Otello, La Forza del Destino, Il Trovatore nel Concerto al Teatro Sociale di Chiasso.

    All’Auditorio Stelio Molo della RSI di Lugano per la rassegna “Novecento Passato e Presente” nei Trois Poèmes de Stéphane Mallarmé di M.Ravel e Offrandes di E.Varèse. A Magadino, in occasione della serata dedicata al Maestro C.F.Semini ha eseguito i “ Tre Poemi di Hermann Hesse”, “L’ape”, “Astrakan” accompagnata al pianoforte dall’autore (doppio CD” Carlo Florindo Semini”). Del medesimo compositore nella Basilica di Loreto (Italia) in prima mondiale ha cantato “Angeli Lauretani” per voce e organo ripetuta nello stesso anno a Roma all’Ambasciata Svizzera accompagnata dall’organista A. Macinanti e al 34° Festival Organistico di Magadino con l’organista americano James Diaz.

    Ha tenuto, inoltre, concerti in Olanda, Germania, Francia, Svezia, Grecia, Turchia e U.S.A. anche in duo con chitarra eseguendo brani di G,Lorca ed E.de Falla. Con il Coro e l’Orchestra Sinfonica G.Verdi di Milano ha eseguito in lingua russa “Le Nozze” di Stravinsky (Dicembre 2000 e Aprile 2002) e per la Stagione Sinfonica 2004-05 Carmina Burana di C.Orff diretta da Romano Gandolfi.

    Ha ripetuto, con successo, “Le Nozze” per la Fondazione Arena di Verona all’Auditorium della Gran Guardia (Dicembre 2003) e al Teatro Filarmonico (Ottobre 2004) della Città Scaligera diretta da Marco Faelli. Il magnifico ordine delle Antiche Tradizioni Veronesi il 25 settembre 2004 le ha conferito il titolo di Nobile Cavaliere per preclari virtù ed eccelsi meriti.

    www.monicatrini.it 

  • Vassena Nadir

    • Acustica, Composizione, Repertorio del XX sec. e cont.

    Nato a Balerna nel 1970, Nadir Vassena ha studiato composizione a Milano con Bruno Zanolini come pure con Johannes Schöllhorn a Freiburg i.B.

    Nel 1993 partecipa ai corsi di composizione di Royaumont tenuti da Brian Ferneyhough. È stato invitato da numerosi festival internazionali e premiato in varie occasioni; nel 1992 al Concorso della WDR di Colonia, nel 1994 dall'Institut für Neue Musik der Hochschule der Künste di Berlino (primo premio ex aequo), nel 1997 dal Mozart-Wettbewerb di Salisburgo. Nel 1999 gli è stato attribuito il premio della fondazione Christoph Delz di Basilea, nel 2000 è stato borsista della fondazione Schloss-Solitude di Stoccarda e nel 2002 della residenza per artisti Denkmalschmiede Höfgen/Margarethenstiftung.
    È membro per l'anno accademico 2002/2003 dell'Istituto Svizzero di Roma. 

  • Verrando Giovanni

    • Orchestrazione e Teoria della composizione

    Giovanni Verrando (Sanremo, 1965) ha iniziato i propri studi in Francia, giovanissimo, con il pianoforte e la chitarra classica. In seguito ha studiato composizione al Conservatorio "G. Verdi" di Milano con G. Manzoni, N.Castiglioni e G.Zosi, e parallelamente filosofia all'Università Statale di Milano.

    Ha proseguito la propria formazione all'Accademia Chigiana di Siena con F.Donatoni ricevendo nel 1990 il premio Siae e il Diploma di merito. Nel 1993 si è trasferito a Parigi dove ha frequentato il "Cursus annuel d'informatique musicale" dell'Ircam. Qui ha vissuto fino al 1997, sviluppando la propria ricerca compositiva sull’ informatica musicale.
    Negli anni '90 e 2000 è stato premiato in molti prestigiosi concorsiinternazionali: Ircam/Ensemble Intercontemporain Comitè de lecture, Gaudeamus Music Week di Amsterdam, Festival International d’art lyrique di Aix-en-Provence, ISCM World Music Days ed altri ancora.
    La sua ricerca sul linguaggio, sull'orchestrazione e l'elettronica lo ha portato a ricevere commissioni dalle istituzioni europee (Ministero della Cultura Francese, Biennale di Venezia, Ircam di Parigi, MaerzMusik di Berlino, etc), e le sue opere sono state eseguite da orchestre, ensemble e solisti di fama internazionale (Arditti String Quartet, Ensemble Intercontemporain, Les Percussions de Strasbourg, Orchestra Sinfonica della Rai, etc).

    In questi anni la sua musica é stata presentata nei festival e nelle stagioni di tutto il mondo: Wien Modern, Centre G. Pompidou di Parigi, Berliner Festspiele, Festival Musica di Strasbourg, Opera Bastille di Parigi, Biennale di Venezia, Tonhalle di Zurigo, Milano Musica, Stockholm New Music, Roma Europa, Huddersfield Contemporary Music Festival, Archipel de Geneve, Festival Ultima di Oslo, Shangai, Varsavia, Tokyo, Royaumont, Köln, Helsinki, Amsterdam, etc.
    È co-fondatore di RepertorioZero, l'ensemble elettrico e il nucleo di musicisti nato a Milano nel 2007. Nel 2008 è stato pubblicato il cd "Orchestral works", con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e la direzione di Pierre-André Valade. Insegna composizione presso la Scuola Civica di Milano e svolge seminari in Italia e all'estero.
    Insegna orchestrazione e teoria della composizione nel Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, dove nel biennio 2009-10 sviluppa un progetto di ricerca sull'orchestrazione e la nuova liuteria. La sua musica è pubblicata dalle Edizioni Suvini Zerboni, Milano.

  • Wulff Bernhard

    • Percussioni

    Born in 1948 (Hamburg,Germany). Studied conducting, composition, piano and percussion in Siena (Italy), Basle (Switzerland) and Hamburg. He conducted orchestras in Germany and Latin America (Argentina, Chile, Mexico), as well as ensembles for new music with which he has performed in Europe, the USA, Mexico and Japan.
    He has been working with the Odessa Conservatoire students' orchestra, and made tours of Germany and Switzerland with them. As a visiting professor, he taught at Universities of Mainz, Basle, Mexico City, Santiago, Tokyo, Osaka, and Odessa.

    From 1986 to 1996, he held the Vice-Rector position at the High School for Music Freiburg (now Professor). He is a co-founder and a member of the Board of the international public organisation “Association New Music” (Odessa), the President of the festival “Two Days and Two Nights of New Music” (Odessa, 1995-2002) and the festival “Roaring Hoofs” (Ulaanbaatar, 1999-2002), “Golden Silk-Sound-Road” (Kyrgystan, 2000, 2001), Cracking Bamboo (Vietnam, 2000).

  • Yamashita Taisuke

    • Violoncello

    Nato in Giappone nel 1954, ha iniziato a studiare il violoncello all’età di quattro anni. Ha compiuto gli studi musicali nella Toho Gakuen Music School con Hodeo Saito, Yoritoyo Inoue, Reine Fraschot e con William Primrose per la musica da camera. Dal 1976 è allievo di Guy Fallot al Conservatorio di Ginevra dove nel 1979 ha ottenuto il Premio Ferney. Ha ottenuto riconoscimenti presso vari concorsi internazionali: Gaspar Cassadò, Concorso internazionale di esecuzione musicale di Ginevra, Maria Canals di Barcellona, ecc.

    La sua attività musicale si esplica tra Europa, Giappone e Stati Uniti. Come solista ha suonato con le orchestre George Enescu, di Pforzheim, della Suisse Romande, della Radio Polacca, di Osaka, del Teatro Carlo Felice di Genova, con i Filarmonici di Verona, ecc. Dal 1980 è primo violoncello solo presso l’Orchestra della RTSI, diventata in seguito Orchestra della Svizzera italiana. Dal 1987 fa parte del Quartetto di Lugano.

  • Zampar Luciano

    • Didattica delle percussioni

    Nato a Cambe' (Parana' - Brasile) nel 1979.

    Ha studiato con Ney Rosauro e Gilmar Goulart, conseguendo nel 2000 il diploma "Bachelor in percussioni" presso l'università Federale di Santa Maria (Rio Grande do Sul).

    Nel 2001 si è trasferito a Lugano per proseguire i suoi studi. Sotto la guida di Mircea Ardeleanu ha conseguito il "Diploma di Pedagogia" ed il "Diploma di Solista" presso il Conservatorio della Svizzera italiana

    Successivamente ha studiato direzione d'orchestra con il M. Giorgio Bernasconi, concludendo nel 2010 il Master in Direzione del Repertorio Contemporaneo sotto la guida di Arturo Tamayo.

    Luciano Zampar è membro fondatore del quartetto "K-TZ Musica para Percussao", gruppo che promuove la ricerca, creazione e l'interpretazione di un repertorio innovativo nell'ambito delle percussioni, oltre a proporre seminari didattici e d'integrazione sociale.

    Nella sua formazione come percussionista - in diversi festival, corsi o concorsi - ha partecipato attivamente ad innumerevoli lezioni, ricevendo insegnamenti da: Luis Anunciaçao, John Boudler, Carlos Tarcha, Joaquim Abreu, John Beck, Bill Malenhof, Siegfried Fink, Jan Willians, Joao Carlos Dalgalarrondo, Leigh Howard Stevens, Eduardo Gianesella, Carlos Stasi, Alfredo Lima, percussionisti del NEXUS Percussion Ensemble, David Friedman, Nana' Vasconcelos, Marcio Bahia, John Bergamo, Rainer Seegers, Emmanuel Se'journe', Maurizio Ben Omar, William Blank, Bernhard Wulff, Mike Quinn, Isao Nakamura, Steven Schick, ed altri.

    In Svizzera ha ricevuto la borsa di studio Alfonso Sprecher/BSI e ha suonato come solista con l'Orchestra della Svizzera Italiana (OSI) all'EXPO Suisse'02. In seguito ha collaborato per un lungo periodo con l'OSI - in concerti e registrazioni - sotto la direzione di importanti maestri quali: Heinz Holliger, Gaunther Herbig, Charles Dotoit, Dmitrij Kitajenko, Alain Lombard, Sir Neville Marinner ed altri.

    In Germania ha vinto lo Stipendienpreis all'Internationalen Ferienkurse faur Neue Musik (Darmstadt 2002) e ha ricevuto nel 2003 da K. Stockhausen il primo premio d'interpretazione allo Stockhausen-Kurse di Kaurten (Colonia).

    Come interprete ha tenuto varie registrazioni e prime esecuzioni. Ha partecipato a diversi festival internazionali: ELAP latino AMERICA, ISCM World New Music SUISSE, IPCL Luxembourg, Martha Argerich Project, Berlin Tanz Tage, Moscow perc. Festival, TanzFaktor Suisse ed altri.

    Ha creato musica per spettacoli di danza ed altri progetti multimediali, in collaborazione con scrittori, pittori e scultori.

    Attualmente svolge intensa attività didattica in Ticino.

    www.lucianozampar.com

  • Zanichelli Barbara

    • Didattica del Canto
    • Assistente classe Luisa Castellani

    Nata a Parma e diplomata in Violino nel Conservatorio della stessa città, si è in seguito dedicata al Canto, studiando dapprima con l’insegnante russo Anatoli Goussev a Milano. Si è perfezionata nella prassi esecutiva della musica barocca con Cristina Miatello, Claudine Ansermet e Roberto Gini, nel repertorio belcantistico con Luciana Serra e Sergio Bertocchi e nella vocalità contemporanea con Luisa Castellani, sotto la cui guida consegue ‘con lode’ sia il Diploma di Perfezionamento, sia quello di Pedagogia del Canto (docente di Pedagogia: Marianne Kohler, Hochschule di Berna) presso il Conservatorio della Svizzera italiana a Lugano.

    Come soprano dell’ensemble vocale a cappella “Vox Altera”, vince il Primo Premio assoluto al Concorso internazionale "Luca Marenzio" dedicato a formazioni vocali madrigalistiche, tenutosi a Coccaglio (BS), commissione presieduta da Claudio Gallico e Anthony Rooley. Con un programma a voce sola è risultata Finalista al Concorso Nicati 2009 di Berna per interpreti solisti di musica contemporanea.

    Svolge intensa attività concertistica sia come solista che in ensemble, come interprete del repertorio antico e contemporaneo in importanti sale e festival italiani ed esteri tra cui Svolge intensa attività concertistica sia come solista che in ensemble, come interprete del repertorio antico e contemporaneo in importanti sale e festival italiani ed esteri tra cui Accademia di S.Cecilia, Nuova Consonanza-Roma, Musica e poesia a S.Maurizio, Milano Musica, Festival MITO, Ravenna Festival, Festival di Cremona, Festival di Urbino, Abbaye de Rouyemont, Cité de la Musique-Paris, Festival de Ribeauvillé, Festival de Saintes, Tage Alter Musik in Herne, Alter Musik Konzerthaus Berlin, Erfurt-Festival Güldener Herbst, Schwäbisch Gmünd-Festival Europäische Kirchenmusik, musikFabrik Köln, Dortmund Konzerthaus, Wiener Musikverein, Festival Resonanzen-Wiener Konzerthaus, Innsbruck Festwochen der Alten Musik, Graz-Steiriches Kammermusik Festival, Musikwochen Millstatt, London South Bank Centre, Festival van vlaanderen in Antwerpen-Utrecht-Bruge, Bruxelles-Kaaitheater, Rotterdam-de Doelen, Basel-Freunde alter Musik, Festival de Musiques Sacrées Fribourg, Berner Studiokonzerte DRS2, Valencia- Ciclo de Música Antigua, Sociedad Filarmónica de Bilbao, Barcelona-Festival Música Antigua , Festival de Música Antigua de Sevilla in Spain, C.Gulbenkian Foundation, tournée in Usa, Russia, Latvia, Columbia.

    Ha collaborato con musicisti quali M.W.Chung, T.Fisher, A.Richard, E.Gatti, B.Kujken, P.Németh, R.H.Platz, G. Bernasconi, O.Dantone, F.M.Bressan, V.Parisi, C.Cavina, C.Chiavazza, G.Capuano, interpretando anche partiture in prima esecuzione assoluta di compositori come K.Stockhausen, G.Bryars, F. Hoch, l.Kupper, M.Stedron, approfondendole con gli autori stessi. In particolare, ha eseguito una prima mondiale di K.Stockhausen, ERSTE STUNDE-HIMMELFAHRT, per soprano, tenore e organo, con il compositore stesso alla regia del suono, nel Duomo di Milano. Il pezzo è stato anche eseguito in varie rassegne di concerti tra cui quella degli STOCKHAUSEN –KURSE KÜRTEN 2006, registrato e pubblicato su CD per la STOCKHAUSEN-VERLAG.

    Il suo grande interesse per il repertorio medievale, dal Canto Gregoriano all’Ars Nova, la porta da diversi anni verso collaborazioni con quei musicisti che si dedicano a questo repertorio, primo fra tutti l’ensemble Mala Punica, diretto da Pedro Memelsdorff, attivo a livello internazionale ed importante interprete dell’Ars Nova; ad approfondirne lo studio seguendo dal 2005 i corsi di Semiologia e Canto Gregoriano tenuti a Cremona da N.Albarosa, J.B.Göschl, G.Conti e il Corso di Perfezionamento “L’Ars Nova in Europa” presso l’Università Tor Vergata di Roma, diplomandosi con lode nel settembre 2008.

    Molto attiva anche nell’ambito dell’insegnamento del canto, ha tenuto lezioni di perfezionamento vocale-stilistico (canto barocco) al Biennio del Conservatorio di Potenza, ai corsi di Musica antica di Gijon, Spagna (canto medievale), come pure ai corsi d’aggiornamento organizzati dalla provincia di Firenze e presso associazioni corali.
    Dal 2007 è docente di Canto e Pedagogia del Canto oltre che assistente di Luisa Castellani presso il Conservatorio della Svizzera italiana.
    Ha partecipato a dirette radiofoniche italiane ed europee e ha registrato per varie case discografiche tra cui ERATO, ARCANA, CHANDOS, VIRGIN, GLOSSA, STOCKHAUSEN-VERLAG, NAIVE.

  • Zanolini Bruno

    • Armonia / contrappunto / fondamenti di analisi

    Bruno Zanolini è nato nel 1945 a Milano, dove si è diplomato in pianoforte, in composizione e si è laureato in lettere. Per molti anni docente di composizione al Conservatorio di Musica "G. Verdi" di Milano, ne ha assunto la carica di direttore dal 2007 al 2010. Attualmente insegna presso il Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano.

    Attivo come compositore, ha scritto lavori sinfonici, cameristici e corali che hanno ottenuto consensi e significativi riconoscimenti nelle più svariate sedi, nonché premi in numerosi concorsi.

    Svolge anche attività di ricerca musicologica: ha pubblicato studi, essenzialmente di carattere tecnico, su L. Dallapiccola, G. Pierluigi da Palestrina, J. Brahms, sul melodramma romantico (G. Rossini e G. Donizetti: un volume su questo autore è stato tradotto anche in lingua giapponese), sul melodramma postromantico (R. Zandonai) e ancora sugli autori del primo '900. In particolare ha approfondito alcuni aspetti d'indole armonistica e soprattutto le tecniche contrappuntistiche dei periodi rinascimentale e barocco, cui ha dedicato due trattati (La tecnica del Contrappunto vocale nel Cinquecento, scritto in collaborazione con R. Dionisi, e La tecnica del Contrappunto strumentale nell’epoca di Bach) giudicati fra i più importanti degli ultimi decenni.

    È relatore in numerosi convegni e membro di giurie internazionali di concorso. I suoi lavori sono pubblicati dalle Edizioni Suvini Zerboni – Milano.

  • Zicari Massimo

    • Storia della Musica

    Massimo Zicari è Responsabile Delegato della Divisione Ricerca e Sviluppo della Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana.

    Autore di un recente volume sulla ricezione delle opere di Giuseppe Verdi nella Londra Vittoriana (Verdi in Victorian London. Cambridge, UK: Open Book Publishers, 2016), si è occupato a lungo della ricezione dell’opera italiana nel mondo anglosassone: La prima recezione di Giuseppe Verdi a Londra: Henry Fothergill Chorley e l’Athenaeum” (Schweizer Jahrbuch für Musikwissenschaft, 2011; “Critica musicale e opera italiana a Londra: George Bernard Shaw”, (Musica e Storia, 2011); “Nothing but the Commonest Tunes: The Early Reception of Verdi’s Operas in London, 1845-1848” (Dissonanz, 2011); The Land of Song, La terra del Belcanto sulla stampa londinese nel decennio 1890 - 1900 (Peter Lang, 2008).

    A questi studi si affianca l’indagine sulla prassi vocale operistica italiana attraverso lo studio comparato di fonti discografiche e testuali: “’Ah! non credea mirarti’ nelle fonti discografiche di primo Novecento: Adelina Patti e Luisa Tetrazzini,” Schweizer Jahrbuch für Musikwissenschaft, 34/35 (2014/2015), pp.193-222; “Expressive Tempo Modifications in Adelina Patti’s Recordings,” Empirical Musicology Review Vol. 12, n. 1-2 (2017).

    Si è anche occupato di questioni legate alla didattica e alla formazione musicale in ambito accademico. Insegna Storia della Musica presso la Scuola universitaria di Musica del Conservatorio.

  • Zink Michael

    • Teoria

    Michael Zink è nato nel 1977 a Stoccarda. Ha compiuto gli studi presso il conservatorio e l'università di Stoccarda dove si è diplomato in Schulmusik, pianoforte e teoria e si è laureato in lettere.

    Dal 2005 al 2012 ha insegnato presso i conservatori di Stoccarda e Trossingen, dal 2009 al 2012 inoltre al conservatorio di Francoforte. Dal 2012 è docente di teoria al conservatorio di Lucerna e dal 2013 insegna anche presso il conservatorio di Lugano.

    La sua ricerca musicologica si concentra sui trattati italiani di contrappunto e la didattica contrappuntistica nel '600, sui quali ha anche scritto la sua tesi di dottorato, sul linguaggio musicale nella seconda metà del ’700 e sulle tecniche compositive del '900.