900presente

Nella stagione 17/18 900presente ha raggiunto il traguardo della 19esima edizione.
Sono previsti 5 concerti da novembre 2017 a maggio 2018.
La stagione 900presente è coprodotta da RSI RETE DUE.

Dall'inizio della sua attività 900presente ha proposto oltre cinquanta produzioni concertistiche, teatrali e multimediali, registrando per la Radiotelevisione Svizzera di lingua italiana (RSI) e invitando musicisti e compositori affermati  quali Huber, Bräm, Jarrell, Kelterborn, Sciarrino, Gervasoni, Darbellay, Manzoni, Corghi, Aperghis, Schöllhorn, Birtwistle, Bussotti, Lachenmann e Subotnick.

 

Numerose e sempre crescenti sono le prime esecuzioni, sintomo di una programmazione originale ed in costante evoluzione.
Tra le più recenti opere commissionate appositamente da 900presente ricordiamo il "Trio per oboe, fagotto e pianoforte" (2010) di Jean Luc Darbellay e la musica di Giacomo Manzoni per "Cascando" (2011), il radiodramma di Samuel Beckett. Nel 2016 è stata commissionata a José María Sanchez-Verdú la musica per "Il giardino della vita", su testo di Gilberto Isella. 

Tra le collaborazioni regolari della stagione, da segnalare quella con il Settore Prosa della RSI che negli anni ha permesso di riproporre in forma di concerto diversi radiodrammi e, per i grandi spettacoli multimediali, quelle con il Corso di laurea in Comunicazione Visiva della SUPSI e con la Accademia Teatro Dimitri. Tra i recenti titoli: "L'Opera da tre soldi" di Weill e Brecht, "Satyricon" di Maderna, "Kraanerg" di Xenakis, "The rape of Lucretia" di Britten, "Le Dit des Jeux du Monde" di Honegger, "Der Gelbe Klang" di Kandinskij, "Gesti vocali" con musiche di Berio e Schnebel, "Dadamusica" con musiche di Antheil e Satie.

Oggi la rassegna è curata artisticamente dal direttore d’orchestra Arturo Tamayo assistito da Francesco Bossaglia e prodotta da Carlo Ciceri.

L'ensemble 900

L'ensemble 900 del Conservatorio della Svizzera italiana nasce nel 1999 da un'idea di Giorgio Bernasconi, direttore d'orchestra prematuramente scomparso, come ensemble residente della stagione concertistica.

Il progetto ha il duplice scopo di porsi come punto di riferimento per la diffusione del repertorio moderno e contemporaneo nella Svizzera italiana e nel contempo di dare la possibilità agli studenti del Conservatorio di sviluppare significative competenze in un ambito cruciale per il musicista moderno.

L'ensemble si rinnova ogni anno riunendo i migliori studenti Bachelor, Master e Advanced Studies della Scuola universitaria di Musica.

Contatto

Carlo Ciceri

Responsabile operativo 900presente

carlo.ciceri@conservatorio.ch