Inizio > Scuola Universitaria di musica > Direzione e staff > Direzione
Dir. Christoph Brenner
Ass. Alexandra Rossini, Uff. 414

Conservatorio della
Svizzera italiana
via Soldino 9
CH-6900 Lugano

tel. +41 (0)91 960 30 55
fax +41 (0)91 960 30 41
email: Alexandra Rossini

Il direttore SUM

Christoph Brenner, diplomatosi in violino (con Françoise Zِöldy-Pfister) e in viola (con Christoph Schiller), si è perfezionato in viola sempre con Christoph Schiller alla Musik-Akademie di Basilea, ottenendo il Diploma di concertista, e con Piero Farulli alla Scuola di Musica di Fiesole. Ha seguito diverse Masterclass, tra cui con Bruno Giuranna e Hatto Beyerle. A livello cameristico è stato fondamentale l’insegnamento di Walter Levin. Parallelamente si è dedicato agli studi universitari laureandosi all'Università di Basilea in Storia universale (con Markus Mattmüller) e Filologia italiana, ottenendo inoltre l’attestato scientifico come docente di Scuola media superiore.

Per diversi anni si è dedicato, oltre alle intense attività cameristiche, orchestrali e solistiche, alla pedagogia, interesse che lo ha portato in fine, quale docente di viola e musica da camera, al Conservatorio della Svizzera italiana, istituto del quale è direttore generale dal 1999. Per quasi 10 anni è stato membro della Commissione artistica del Concorso svizzero di musica per la gioventù, incarico che ha lasciato nel 2009. Nel marzo 2010 è stato nominato Presidente della Conferenza dei Direttori delle Scuole universitarie di musica svizzere (Konferenz Musikhochschulen Schweiz), ruolo che ha ricoperto fino al maggio 2013. Tempo permettendo, svolge attività come esperto in concorsi nazionali ed internazionali.


Il vicedirettore SUM

Hubert Eiholzer ha svolto un ruolo essenziale nella trasformazione del Conservatorio della Svizzera italiana in scuola universitaria di musica riconosciuta a livello nazionale. Ha conseguito il PhD in filosofia all’Università di Oxford, insieme al Diplôme d’enseignement de piano presso il Conservatoire de Fribourg. Si interessa allo sviluppo della ricerca musicale in quanto approfondimento della nostra conoscenza della performance, della composizione e della percezione musicale, e strumento di primaria importanza per la vita professionale del musicista, che svolge in stretta collaborazione con musicisti attivi all’interno del conservatorio.
Ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo del profilo della ricerca nell’ambito dei conservatori, prima come segretario della commissione F&E-Profil der Musikhochschulen istituita dal Consiglio Svizzero per le Scienze nel 1995 e diretto da Thüring Bräm, e quindi come co-organizzatore della First European Conference on “Research Relevant to the Work of Music Academies and Conservatoires” (Lucerna, 1999). Nel 2000 ha contribuito alla fondazione del Centro di Coordinamento per la Ricerca Musicale presso la Musikhochschule Luzern, che ha diretto per breve tempo prima di trasferirsi a Lugano. Attualmente è membro del gruppo di lavoro che si occupa dell’implementazione del programma PhD e della ricerca all’interno della Association Européenne des Conservatoires. È attivo a livello nazionale ed internazionale in gruppi di lavoro impegnati nell’implementazione della Dichiarazione di Bologna nelle scuole universitarie di musica.