900presente - Canti

08.03.20

Auditorio Stelio Molo RSI, Lugano, 20:30

Ormai consapevole dell’approssimarsi della fine della sua esistenza, Gustav Mahler si interroga sulla morte e sulla vacuità della vita e lo fa mettendo in musica sette antiche poesie cinesi dell’epoca della dinasta Tang, pubblicate nell’adattamento tedesco nel 1907 da Hans Bethge all’interno dell’antologia Die chinesische Flöte. I sei Lieder che compongono il Das Lied von der Erde, che Mahler non fece in tempo ad ascoltare, sono proposti nella trascrizione per orchestra da camera di Arnold Schönberg, nella quale i dettagli della partitura originale risuonano in sfumature e dinamiche nuove, in un intimo dialogo tra le voci del mezzosoprano e del tenore e le linee solistiche strumentali. Il concerto si apre con la sognante Serenata n.2 per undici strumenti di Bruno Maderna, che da direttore d’orchestra fu anche grande interprete mahleriano. Il concerto è dedicato alla memoria di Giorgio Bernasconi, ideatore e fondatore della stagione 900presente, in occasione del decennale della sua scomparsa.

 

Gustav Mahler
Das Lied von der Erde
Trascrizione per orchestra da camera di Arnold Schönberg

Bruno Maderna
Serenata n.2

Ensemble900

Arturo Tamayo direzione
Maria Marta Moraru mezzosoprano
Sébastien Obrecht tenore

 

Schools: General, University school

See all events