Fondazione
Conservatorio della Svizzera italiana

La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana, fondazione di diritto privato di pubblica utilità, con mandato pubblico per quel che riguarda la Scuola universitaria di Musica, gestisce tre Dipartimenti di educazione e formazione musicale costantemente interconnessi tra loro ma allo stesso tempo ben distinti negli scopi ed a livello formale:

 

La Scuola di Musica (SMUS): struttura di formazione propedeutica e preparatoria per bambini, giovani e adulti che intendono iniziare uno studio strumentale, approfondire o allargare le proprie competenze musicali. Conta più di 1200 allievi, di età compresa principalmente tra i 5 ed i 20 anni, provenienti da 60 comuni distribuiti sul territorio;

Il Pre-College (PRE): struttura pre professionale con un numero chiuso di 55 studenti che frequentano contemporaneamente le scuole secondarie II e che intendono prepararsi per una futura carriera musicale;

La Scuola universitaria di Musica (SUM): la sezione professionale, riconosciuta dal 1988, è stata trasformata, sulla base del nuovo quadro legislativo e ad un mandato esplicito del Consiglio di Stato del Cantone Ticino del 1999, in una Scuola universitaria di musica, ottenendo il riconoscimento e l’accreditamento da parte dei Cantoni e della Confederazione. Dal 2006 è affiliata alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

 

La Fondazione offre inoltre delle Prestazioni di Servizio, quali il supporto nella ricerca di musicisti per eventi pubblici o privati (conferenze, cerimonie, riunioni aziendali). I suoi spazi, ed in particolare l’Aula Magna che può ospitare fino a 220 persone, possono essere affittati per eventi privati, meeting e conferenze.

 

Presso la Biblio-Mediateca è possibile prendere in prestito materiali come libri, riviste, spartiti, CD e DVD, nonché richiedere consulenza sulle modalità di ricerca e sul reperimento di dati e informazioni.

  • Missione

    La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana ha lo scopo di promuovere nella Svizzera italiana la diffusione della cultura musicale, mediante l’insegnamento di base e quello professionale, come pure la promozione e l’accompagnamento di attività artistiche.

    All’insegnamento professionale, la cui qualità ha rilevanza internazionale in conformità alla Legge sull’Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli istituti di ricerca del 3 ottobre 1995, si accompagna:

    • l’offerta di attività di formazione continua e di post-formazione;
    • la conduzione di lavori di ricerca e di sviluppo;
    • l’offerta di servizi a terzi;
    • la cooperazione con altri istituti di formazione sia nazionali che esteri;
    • la cooperazione con altri enti attivi in ambito artistico.

    La Fondazione persegue esclusivamente scopi di utilità pubblica e si astiene da ogni fine di lucro o di interesse privato.

    (art.3, Statuto della Fondazione)

    Visione

    La musica è parte integrante della nostra cultura, della nostra vita quotidiana. Arricchisce la nostra qualità di vita e contribuisce allo sviluppo della nostra società. La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana considera l’educazione musicale (a livello di scuola pubblica e di scuola di musica) e la formazione musicale (a livello di scuola universitaria) elementi indispensabili: sono la sua raison d’être.

    Il Conservatorio della Svizzera italiana vuol essere un istituto di educazione, di formazione e di ricerca, ma nello stesso tempo anche un  motore culturale a livello regionale e sovraregionale. Vuol essere ancorato al territorio ed essere riconosciuto quale centro di competenza per tutti gli aspetti che riguardano la musica.

    Valori

    I principali valori ai quali la Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana si attiene sono la territorialità, l’internazionalità, la qualità, l’efficacia e l’efficienza:

    • territorialità, per il forte ancoraggio al territorio dei dipartimenti Scuola di Musica e Pre-College;
    • internazionalità, per l'indispensabile forte orientamento internazionale della Scuola universitaria di Musica;
    • qualità, per la scelta dei collaboratori, del corpo docenti e dell’amministrazione, e la volontà costante di miglioramento;
    • efficacia ed efficienza, per la burocrazia snella, l’orientamento proattivo e la gestione finanziaria precisa ed oculata.

    Obiettivi strategici

    Sono cinque gli obiettivi a breve e medio termine della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana:

    1. La nuova sede è sicuramente l’obiettivo principale. È divenuto infatti indispensabile trovare una sede di prestigio, stabile e strutturata in modo da rispondere alle necessarie esigenze tecnico architettoniche ed acustiche (aule per lo studio individuale, sale per ensemble, sala per concerti, sala per registrazioni, biblioteca attrezzata, ecc.).
    2. Il consolidamento finanziario della Scuola di Musica è un ulteriore obiettivo cardine, indispensabile per stabilizzare economicamente una situazione che consentirebbe un maggior investimento nel percorso qualitativo ed innovativo della Scuola ad intero beneficio dei suoi allievi.
    3. La ricerca di finanziamenti per borse di studio è una bisogno sempre più indispensabile per poter sostenere gli allievi della Scuola di Musica e del Pre-College e gli studenti della Scuola universitaria di Musica particolarmente meritevoli e in difficoltà finanziarie.
    4. Il rinnovo del parco strumenti che prevede l’acquisto di strumenti musicali di alta qualità e che soddisfino i numerosi e specifici ambiti di specializzazione che i corsi offrono.
    5. Il sostegno alle attività collettive è un obiettivo fondamentale, in particolare per la Scuola di Musica ed il Pre-College che dispongono di numerosi ensemble giovanili di alto livello, quali l’Orchestra giovanile della Svizzera italiana ed il Coro Clairière, con un’intensa attività, in Svizzera ed all’estero, ma limitati nelle loro possibilità dalle condizioni finanziarie del Conservatorio che non riesce a finanziare quello che va oltre l’offerta “di base”.

    Unique Selling Proposition (USP)

    La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana applica degli standard qualitativi molto alti e si sottopone volontariamente, ripetutamente e con successo, a Peer review esterne. Tutti e tre i Dipartimenti operano con numero chiuso o pianificato e si vedono confrontati con un numero delle domande qualificate superiore all’offerta dei posti disponibili.

    La Scuola di Musica (SMUS), con 85 docenti con diplomi artistici e pedagogici riconosciuti, 1’200 allievi distribuiti in 4 sedi e 500 allievi presenti nei campus estivi è la scuola di musica più grande e con maggiore presenza sul territorio cantonale. La Scuola di Musica offre un percorso educativo e formativo completo grazie a 2'000 corsi musicali, 700 ore tra lezioni individuali, collettive ed esperienza in ensemble ed orchestre. La Scuola di Musica è inoltre un importante vivaio di giovani locali qualificati.

    Il Pre-College (PRE) è l’unico dipartimento di musica classica del territorio che consente agli studenti ticinesi che intraprendono una maturità liceale o professionale di prepararsi al contempo ad affrontare gli studi presso una scuola universitaria di musica. Gli allievi che finiscono brillantemente il Pre-College hanno un tasso di successo negli esami di ammissione delle scuole universitarie di musica svizzere ed estere che si avvicina al 100%.

    La Scuola universitaria di Musica (SUM) è un piccolo dipartimento fortemente dinamico immerso in un ambiente familiare ma a carattere decisamente cosmopolita che attira docenti e studenti di alto livello da oltre 40 Paesi. Orientato alla qualità e all’eccellenza, vanta un corpo docenti molto competente e di fama internazionale e le candidature qualificate sono numerose ed in costante aumento.

    Sistema di gestione della qualità

    Il continuo miglioramento della qualità è un fattore fondamentale per una scuola che opera, con ognuno dei suoi tre dipartimenti, in un contesto di forte concorrenza regionale, nazionale ed internazionale.

    La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana adotta un Sistema di gestione della qualità (SGQ) in stretta relazione con i suoi valori, costituito da:

    La Scuola universitaria di Musica è anche coinvolta nello Sistema di gestione della qualità della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

  • Consiglio di Fondazione

    Il Consiglio è l'organo superiore della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana ed è composto da sette a undici membri.

    Il Consiglio amministra il patrimonio della Fondazione, sorveglia l'attività della Fondazione ed approva i conti annuali, il rapporto di gestione e il preventivo. Il Consiglio  nomina l'Organo di Revisione,  il Presidente della Direzione di Fondazione, gli altri membri della Direzione di Fondazione ed i direttori di Dipartimento, e ne stabilisce le condizioni di impiego; nomina inoltre  su proposta della Direzione di Fondazione, uno dei suoi membri quale delegato nel Consiglio della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI). Il Consiglio adotta, su proposta della Direzione di Fondazione, un Regolamento che disciplina l’organizzazione, gli strumenti strategici ed operativi, i compiti e le competenze del Conservatorio della Svizzera italiana. Infine, ratifica l’organigramma e l’attribuzione delle specifiche funzioni alle persone responsabili della formazione e dei servizi principali per l’attività del Conservatorio della Svizzera italiana, quali i direttori di dipartimento ed i responsabili di aree. 

    (estratto dagli Statuti della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana)

     

    Membri del Consiglio di Fondazione

    Ina Piattini Pellonipresidente
    Giancarlo Dillenavice presidente 
    Annamaria Albek
    Franco Ambrosetti
    Carlo Donadini
    Giovanna Masoni Brenni
    Franco Mornata
    Guido Turati

     

    La Direzione di Fondazione

    La Direzione di Fondazione è nominata dal Consiglio, che ne designa anche il Presidente. Il Presidente della Direzione di Fondazione assume la carica di Direttore generale del Conservatorio della Svizzera italiana.

    Di principio, la Direzione di Fondazione deve rappresentare i tre Dipartimenti. I suoi membri partecipano alle riunioni di Consiglio, senza diritto di voto.

    Alla Direzione di Fondazione è affidata la gestione e l'amministrazione del Conservatorio della Svizzera italiana e la rappresentanza delle sue varie istanze di fronte a terzi.

    La Direzione di Fondazione ha il potere di deliberare e di decidere su tutte le materie che non siano specificatamente attribuite dalla legge o dagli Statuti al Consiglio.

    La Direzione di Fondazione collabora con il Consiglio nella formulazione di obiettivi strategici in quegli ambiti in cui gli interessi del Consiglio di Fondazione e quelli del Conservatorio della Svizzera italiana sono strettamente connessi.

    Le sedute vengono convocate dal Presidente della Direzione di Fondazione. La Direzione di Fondazione delibera a maggioranza semplice dei voti. Nel caso di parità dei voti, la decisione dovrà essere sottoposta al Consiglio, rispettivamente a una delegazione del Consiglio competente nella materia oggetto della decisione contestata.

    (estratto dagli Statuti della Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana)

     

    Membri della Direzione di Fondazione

    Christoph Brenner, Direttore generale
    Luca Medici, membro di Direzione

     

    Organigramma

    (versione per web)

     

  • Abate Salvatore

    Responsabile Servizi informatici e IT

    Tel. +41 (0)91 960 30 53

    salvatore.abate@conservatorio.ch

    Balmelli Carlo

    Responsabile sede di Mendrisio Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 48

    carlo.balmelli@conservatorio.ch

    Basso Federica

    Responsabile operativa Ufficio Comunicazione

    Tel. +41 (0)91 960 23 61

    federica.basso@conservatorio.ch

    Bragetti Stefano

    Responsabile dell'area Pedagogia Scuola universitaria di Musica
    Responsabile sede di Locarno Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 40

    Tel. +41 (0)91 960 30 48

    stefano.bragetti@conservatorio.ch

    Brenner Christoph

    Direttore generale Conservatorio della Svizzera italiana
    Direttore Scuola universitaria di Musica
    Responsabile Pre-College

    Tel. +41 (0)91 960 30 55

    Tel. +41 (0)91 960 30 40

    direzione@conservatorio.ch

    Cavadini Carlotta

    Segreteria Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 48

    smus@conservatorio.ch

    Ciceri Carlo

    Responsabile 900presente Scuola universitaria di Musica
    Responsabile Formazione continua Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 23 67

    carlo.ciceri@conservatorio.ch

    Cruder Cinzia

    Ricercatrice Divisione Ricerca e Sviluppo

    cinzia.cruder@conservatorio.ch

     

     

    Eiholzer Hubert

    Responsabile Divisione Ricerca e Sviluppo
    Vicedirettore Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 57

    hubert.eiholzer@conservatorio.ch

    Favoroso Fabio

    Responsabile Servizi accademici Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 58

    fabio.favoroso@conservatorio.ch

    Feroce Riccardo

    Servizi logistici Segreteria didattica

    Tel. +41 (0)91 960 23 62

    riccardo.feroce@conservatorio.ch

    Filippi Alessandra

    Segretaria di Direzione Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 50

    direzione.smus@conservatorio.ch

    Florez Hernando

    Segreteria didattica Scuola universitaria di Musica
    International relations Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 46

    hernando.florez@conservatorio.ch

    Gardini Gabriele

    Responsabile Prestazioni di servizio

    Tel. +41 (0)91 960 23 69

    gabriele.gardini@conservatorio.ch

    Genini Giulia

    Co-Responsabile della Formazione e
    Co-Responsabile dell'area Performance
    Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 40

    giulia.genini@conservatorio.ch

    Kliner Francesco

    Responsabile Amministrativo

    Tel. +41 (0)91 960 30 42

    francesco.kliner@conservatorio.ch

    Medici Luca 

    Membro di Direzione
    Direttore Scuola di Musica
    Responsabile delegato Pre-College

    Tel. +41 (0)91 960 30 50

    direzione.smus@conservatorio.ch

    Micheli Lorenzo

    Co-Responsabile della Formazione e
    Co-Responsabile dell'area Performance
    Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 40

    lorenzo.micheli@conservatorio.ch

    Pancini Silvia

    Servizi logistici Segreteria didattica

    Tel. +41 (0)91 960 23 62
    silvia.pancini@conservatorio.ch

    Paolantonio Paolo

    Responsabile maturità liceale Pre-College

    Tel. +41 (0)91 960 23 63

    paolo.paolantonio@conservatorio.ch

    Papiri Camilla

    Segreteria didattica Scuola universitaria di Musica 

    Tel. +41 (0)91 960 30 40

    camilla.papiri@conservatorio.ch

    Quirici Carlo

    Biblioteca e archivi

    Tel. +41 (0)91 960 30 51

    carlo.quirici@conservatorio.ch

    Rossini Alexandra

    Assistente di Direzione
    Delegata gender & diversity Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 55

    alexandra.rossini@conservatorio.ch

    Rusconi Alan

    Responsabile sede Bellinzona Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 48

    alan.rusconi@conservatorio.ch

    Sangiorgio Nadia

    Ufficio Contabilità

    Tel. +41 (0)91 960 30 54

    nadia.sangiorgio@conservatorio.ch

    Stocco Licia

    Responsabile Segreteria didattica Scuola universitaria di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 23 68

    licia.stocco@conservatorio.ch

    Vassena Nadir 

    Responsabile Spazio21 Scuola universitaria di Musica 
    Responsabile Master of Arts in Music Composition & Theory Scuola universitaria di Musica 
    Responsabile Materie teoriche Scuola universitaria di Musica 

    Tel +41 (0)91 960 30 45

    nadir.vassena@conservatorio.ch

    Verzasconi Martina

    Segreteria didattica Scuola universitaria di Musica 
    Segreteria Pre-College

    Tel. +41 (0)91 960 30 59

    martina.verzasconi@conservatorio.ch

    Zanetti Lara

    Segreteria Scuola di Musica

    Tel. +41 (0)91 960 30 48

    smus@conservatorio.ch

    Zicari Massimo

    Responsabile delegato Divisione Ricerca e Sviluppo

    Tel. +41 (0)91 960 30 43

    massimo.zicari@conservatorio.ch

  • 2019
    Grande successo di pubblico e di critica per due grossi Simposi che hanno avuto luogo nel mese di ottobre presso il CSI. Il primo, l'11 ottobre, dal titolo Neurobiologia e pratica musicale. La Musica incontra la Medicina, organizzato dalla Fondazione Neuroscienze Ticino, dalla Fondazione John Eccles, dal Neurocentro della Svizzera Italiana e dal Conservatorio della Svizzera italiana, il secondo il 18 ottobre, dal titolo Sinfonie d'Intenti. Passioni, visioni e progetti di mecenatismo culturale; una giornata di studio sulle strategie e i nuovi paradigmi del mecenatismo musicale contemporaneo, attraverso gli interventi di alcuni dei protagonisti più significativi della scena filantropica internazionale.

    A dicembre la Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana ha inoltrato la richiesta per l’utilizzo del marchio Pre-College Music CH dell’Associazione svizzera delle scuole di musica (ASSM) e della Conferenza svizzera delle scuole universitarie di musica (CSUMS). Si tratta di un marchio di qualità per quelle istituzioni riconosciute a livello nazionale che offrono corsi di studi Pre-College, che si orienta agli standard internazionali per Pre-College delle tre associazioni mantello europee Association Européenne des Conservatoires, Académies de Musique et Musikhochschulen (AEC), European Association for Music in Schools (EAS) e European Music School Union (EMU). Il marchio definisce i criteri relativi a parti interessate, contenuti pedagogici, settore di cooperazione, controllo qualità e finanziamento. Maggiori informazioni su www.verband-musikschulen.ch.

    2018
    La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana si sottopone volontariamente ad una peer review, a cura dell’agenzia d’accreditamento internazionale MusiQuE, dei suoi corsi di laurea Bachelor e Master nonché del percorso Pre-College, prima assoluta a livello svizzero. Molto incoraggiante il rapporto dell’agenzia che premia gli sforzi perpetuati in questi anni e che getta le basi per nuove sfide.

    2016
    Parte il Master of Arts SUPSI (doppio titolo) in Pedagogia musicale con specializzazione in Educazione musicale elementare e in Insegnamento dell’educazione musicale per il livello secondario I, una collaborazione Conservatorio della Svizzera italiana e Dipartimento Formazione e Apprendimento (DFA) SUPSI.
    Il Master è riconosciuto dalla CDPE e come tale abilita ad insegnare nel settore secondario I in tutta la Svizzera. Inoltre, a seguito di una risoluzione del Consiglio di Stato del 2007, esso abilita pure all’insegnamento dell’educazione musicale nelle scuole elementari del Canton Ticino.

    2015
    Viene inaugurato il nuovo centro culturale “LAC - Lugano Arte e Cultura”. Il Conservatorio vi festeggia i suoi 30 anni, poco prima dell’apertura, tra spettacoli ed il tutto esaurito.

    2010
    Finiscono i primi Master. La Scuola si rafforza a livello svizzero con la presidenza - da parte del direttore del CSI - della Conferenza dei Direttori delle Scuole universitarie di musica svizzere (Konferenz Musikhochschulen Schweiz / KMHS) che ha lo scopo di rappresentare gli interessi della formazione musicale professionale svizzera a livello nazionale ed internazionale.
    Il 20 dicembre vengono accreditati i 4 Master.

    2008
    Finiscono i primi Bachelor. Partono i primi Master Bologna.
    Il Conservatorio si dà una nuova strutta interna rendendo più autonome le tre scuole (Univerisitaria - Pre-professionale - Scuola di Musica) all’interno della Fondazione che fa da cappello. 

    2006
    La Scuola universitaria di Musica del Conservatorio viene affiliata alla SUPSI.

    2005
    Il Conservatorio ottiene, da parte della Conferenza dei direttori della pubblica educazione (CDPE), il riconoscimento definitivo come Scuola Universitaria di Musica e il Gran Consiglio del Canton Ticino ne sancisce l’affiliazione alla SUPSI.
    Il Conservatorio parte con i nuovi Bachelor “Bologna”.

    2004
    Il Conservatorio ottiene il prestigioso premio Lily Wäckerlin Jugend und Musik della Fondazione ACCENTUS di Zurigo per un progetto nell’Educazione musicale elementare (EME).

    2003
    Viene introdotto il diploma di Direzione per il repertorio contemporaneo.
    Primi scambi di studenti e docenti nel quadro del progetto europeo “ERASMUS”.
    Prima collaborazione comune tra il Conservatorio, la Scuola Teatro Dimitri ed il Dipartimento Ambiente, Costruzione e Design della SUPSI per la produzione di “Les Mariés de la Tour Eiffel” di Jean Cocteau.
    Mastery Through Imitation, in collaborazione con il Royal College of Music, Londra: il primo progetto di ricerca al Conservatorio sostenuto dal Fondo Nazionale svizzero per la ricerca scientifica e dall’Ufficio Federale della Formazione Professionale e della Tecnologia (UFFT).

    2002
    Viene istituito il dipartimento Servizi e Post Formazione.
    La scuola è membro fondatore e di comitato della Conferenza delle Scuole Universitarie di Musica Svizzere (KMHS).

    2000
    Il Conservatorio ottiene il riconoscimento provvisorio come Scuola universitaria di Musica. 
    Viene istituito il Dipartimento Ricerca e Sviluppo (DRS).

    1999
    La Fondazione Conservatorio della Svizzera italiana (CSI) sostituisce la precedente Associazione del Conservatorio. In base alla appena votata Legge sulle Scuole universitarie professionali ed il rispettivo Profilo delle Scuole universitarie di musica inizia, su mandato cantonale, la trasformazione in Scuola universitaria di Musica. 
    Viene creata la sezione Pre-professionale.
    Parte la prima stagione “Novecento e Presente”, ideata da Giorgio Bernasconi, in collaborazione con Rete Due, che suscita enorme interesse intorno alla musica dell’ultimo secolo.

    1998
    Il Conservatorio si trasferisce nel Centro San Carlo.

    1995
    Viene fondata la prima orchestra giovanile della Scuola di Musica.

    1992
    Il Conservatorio collabora per la prima volta con l’Orchestra della Svizzera italiana.

    1988I diplomi vengono riconosciuti a livello cantonale ed intercantonale.
    Il Conservatorio diventa membro della Conferenza dei Direttori dei Conservatori svizzeri.

    1985
    Armin Brenner fonda l’Accademia di Musica della Svizzera italiana.