La Scuola universitaria di Musica

La Scuola universitaria:

giovane, dinamica ed internazionale

La Scuola universitaria di Musica (SUM) si occupa della formazione dei futuri musicisti ed è il dipartimento di respiro maggiormente internazionale del Conservatorio della Svizzera italiana, con studenti provenienti da 40 paesi diversi. 

La Scuola universitaria di Musica, coerentemente con le disposizioni legali, persegue quattro mandati: formazione, ricerca, formazione continua/post-formazione e prestazioni di servizio.

La SUM è membro della Conferenza delle Scuole universitarie di musica svizzere (CSUM) e dell'Associazione europea dei conservatori e delle SUM (AEC).

È stata costituita nel 1999, rispettivamente nel 2000, su mandato del Consiglio di Stato, che ha incaricato il Conservatorio della Svizzera italiana d’istituire 4 corsi di laurea, a livello di Scuola universitaria, a sostituzione dei vecchi corsi di studio riconosciuti dal Canton Ticino già nel 1988, a ridosso del loro riconoscimento da parte della Conferenza dei Direttori dei Conservatori svizzeri.

Il riconoscimento dei corsi di laurea da parte della Conferenza dei direttori della pubblica educazione CDPE è avvenuto nel 2005, l'accreditamento dei Master, questa volta da parte della Confederazione, sei anni più tardi. Pertanto, i titoli della Scuola universitaria di Musica sono riconosciuti a livello sia nazionale sia internazionale.

L'affiliazione alla SUPSI, avvenuta nel 2006, prevede l'integrazione a livello universitario, ma garantisce contemporaneamente l'autonomia a livello amministrativo e gestionale.

 

 

I programmi di studio della Scuola universitaria del Conservatorio sono stati revisionati nel 2018 secondo gli standard di MusiQuE. Il report è disponibile a questo link.